pescara

Case popolari Ater: lavori per 17 milioni in periferia e ai Colli 

case-popolari-ater: lavori-per-17-milioni in-periferia-e-ai-colli 

Presentato il programma degli interventi previsti per il 2021 In autunno la demolizione dei palazzi di via Lago di Borgiano

PESCARA. L’Ater ha pronto un piano da 17 milioni di euro per ristrutturare le case popolari più malandate. Alcuni interventi sono già partiti, altri saranno avviati entro quest’anno. Le zone interessate sono soprattutto i Colli, San Donato e Borgo Marino nord. Ed entro maggio dovrà essere presentato anche il progetto per la demolizione dei palazzi pericolanti di via Lago di Borgiano, sgomberati nel luglio del 2017.

A fare il punto della situazione è stato il presidente dell’Ater Mario Lattanzio durante la sua audizione, avvenuta alcuni giorni fa, in commissione Lavori pubblici del Comune, presieduta da Massimo Pastore.

Tra gli interventi già realizzati nel corso dell’anno scorso figurano quelli per il complesso edilizio di via Salara vecchia, che ha richiesto una spesa di 665.576 euro; per gli edifici popolari di via Caduti per servizio (2.993.900 euro); per un fabbricato in via Basento (48.000 euro).

Più lungo l’elenco dei lavori di manutenzione in programma per quest’anno. Si interverrà nelle case ex Gescal di via Valle di Rose (numeri civici 2, 4, 6, 10, 12, 14, 16, 18) e di via Pineta di Roio (2 e 4), per un importo di 376.038 euro. E ancora: via Valle di Rose (27, 29, 31, 33, 35 e 37) e via Pineta di Roio (33, 35, 37 e 43), per 537.587 euro; via Pineta di Roio (66 e 72), via Valle di Rose (2 e 18), via Valle San Mauro (36 e 48), per 412.800 euro; via Aldo Moro (130, 132, 134 e 136) e via Colle dell’Amatrice, per 748.200 euro.

Poi ci sono i lavori di manutenzione straordinaria in progettazione da mettere a bando: via Buozzi (numeri civici 38 e 44), piazza IV novembre (1, 2, 7 e 8), via Tripoti (56, 58, 60 e 62), per 550.000 euro; via Secchia (14 e 16), via Teverone (3, 3/1, 5, 7 e 9), via Basento (54, 56 e 58), via Cesano (4, 6, 8 e 10), per 645.000 euro; via Aldo Moro (19, 21 F2A, 23, 25 F2B), per 619.200 euro. Infine, verranno eliminate le barriere architettoniche in vari edifici, per una spesa di 283.158 euro.

Nel piano di quest’anno, quindi, ci sono anche i palazzi pericolanti di via Lago di Borgiano 14, 18 e 22. Entro il 31 maggio, l’Ater dovrà presentare il progetto esecutivo per la demolizione, che potrebbe partire entro l’autunno. Per questa operazione sono stati stanziati 11.520.000 euro dal ministero delle Infrastrutture.

Nei programmi dell’Ater c’è anche l’abbattimento dello stabile di via Tavo 15, il cosiddetto Ferro di cavallo, con la successiva ricostruzione di 54 alloggi, per una spesa di 7.334.000 euro. « Al suo posto», ha fatto presente Pastore, «verrà costruito un fabbricato in via Cetteo Ciglia, con 2.448.000 euro. Per questi ultimi interventi si farà ricorso agli incentivi previsti dall’ecosistema bonus del 110 per cento».(a.ben.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: