cronaca

Castelnuovo, denunciata ladra seriale di profumi

castelnuovo,-denunciata-ladra-seriale-di-profumi

Foto Donato Fasano – LaPresse
02 05 2018 – BARI
Cronaca
02.05.2018 Un uomo di circa 45 anni, è stato ferito con un arma da taglio al petto. E’ stato ritrovato privo di conoscenza, verso le 7.30, sulla rampa di accesso per i disabili della scuola media Amedeo d’Aosta, a Bari. A dare l’allarme poco fa, una donna che si stava recando al lavoro e che ha avvisato i carabinieri. L’uomo è stato trasportato in ospedale. Non sarebbe in pericolo di vita. In base ai primi accertamenti si tratterebbe di un soggetto senza fissa dimora.

Foto Donato Fasano – LaPresse
02 05 2018 – BARI
Cronaca
02.05.2018 Un uomo di circa 45 anni, è stato ferito con un arma da taglio al petto. E’ stato ritrovato privo di conoscenza, verso le 7.30, sulla rampa di accesso per i disabili della scuola media Amedeo d’Aosta, a Bari. A dare l’allarme poco fa, una donna che si stava recando al lavoro e che ha avvisato i carabinieri. L’uomo è stato trasportato in ospedale. Non sarebbe in pericolo di vita. In base ai primi accertamenti si tratterebbe di un soggetto senza fissa dimora.

CASTELNUOVO – I Carabinieri di Castelnuovo Vomano hanno individuato e denunciato per furto aggravato una ladra seriale di profumi. Il titolare della profumeria, infatti, si era accorto di diversi ammanchi di merce dagli scaffali del suo negozio, così i Carabinieri hanno esaminato i video catturati dalle telecamere di sorveglianza nei giorni precedenti, sino a quando non hanno notato una donna che, in almeno due occasioni, ossia il 5 ed il 12 febbraio, aveva preso alcuni flaconi di profumo esposti in vendita, mettendoli nella sua borsa. Fino a quando ieri, durante una pattuglia, i militari non hanno riconosciuto la donna in questione mentre passeggiava a Castellalto lungo la S.S. 150. La donna, una ventiduenne di Montesilvano già nota alle Forze dell’Ordine, è stata riconosciuta dai militari dell’Arma grazie al suo particolare taglio di capelli. Dopo le operazioni di identificazione è stata quindi denunciata alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: