cronaca

Variante inglese, il Comune di Re nella valle Vigezzo prima “zona rossa” in Piemonte: 700 abitanti e 37 contagiati

variante-inglese,-il-comune-di-re-nella-valle-vigezzo-prima-“zona-rossa”-in-piemonte:-700-abitanti-e-37-contagiati

Nel Piemonte tutto “zona gialla” c’è un primo puntino rosso. La Regione, infatti, si appresta a istituire nelle prossime ore, con un’ordinanza congiunta assieme al ministero della Salute, una zona rossa che sarà valida da domani sera. Il provvedimento, a quanto si apprende, dovrebbe interessare il comune di Re, nel Verbano Cusio Ossola, celebre nella zona per la sua Basilica intitolata alla Beata Vergine Marie del Sangue di Re. In paese, settecento abitanti, c’è un focolaio di 37 contagiati in una sola settimana.

Inoltre dovrebbe essere sospesa anche l’attività didattica nelle scuole della Val Vigezzo. Il Verbano Cusio Ossola, come spiegato già ieri dall’assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Luigi Genesio Icardi, sarebbe la provincia più a rischio nella diffusione del virus mutato in forme maggiormente contagiose.

Gli oltre 5mila frontalieri che tutti i giorni fanno la spola dall’Ossola e dal Verbano verso i cantoni Ticino e Vallese, così come il pendolarismo verso Milano, sono elementi che fanno alzare l’asticella di guardia. Sotto stretta osservazione, in particolare, è il focolaio scoppiato a Re. “Non sappiamo ancora se questi casi siano dovuti a una variante – dice il governatore Cirio – ma è comunque una incidenza molto elevata e abbiamo ritenuto necessario intervenire per tutelare la salute delle persone che popolano la vallata”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: