SPORT

MotoGP, Andrea Dovizioso-Ducati: le strade tornano ad incrociarsi

motogp,-andrea-dovizioso-ducati:-le-strade-tornano-ad-incrociarsi

Andrea Dovizioso e Ducati presto si ritroveranno sulle piste della MotoGP, ma stavolta da avversari. Paolo Ciabatti: “Dipenderà tutto dal test con Aprilia”.

Andrea Dovizioso ha voglia di tornare in MotoGP dopo aver chiuso i rapporti con Ducati. Poco più di due settimane al test di Jerez con Aprilia, poi sarà il momento di prendere una decisione. La tesi più accreditata: collaudatore subito, ritorno da pilota nel 2022. Salvo sorprese, perché la speranza di tanti tifosi è rivederlo quanto prima in griglia, anche come wild card. A frenare gli entusiasmi la voglia del forlivese di tornare quando la RS-GP sarà davvero pronta per ambire al podio. E magari prendersi una rivincita contro il suo ex marchio.

Intanto le Desmosedici volano sul circuito di Doha, terreno tradizionalmente favorevole alle Rosse. Da tempo la notizia dell’eventuale ritorno del Dovi con Aprilia riecheggia nel box Ducati. “Non posso giudicare i piani di Andrea in Aprilia“, ha detto Paolo Ciabatti a Speedweek.com. “Ho letto le notizie. Il direttore di gara Rivola ha dichiarato che entrambe le parti hanno la possibilità di valutare la situazione. Ho il sospetto che Andrea voglia ancora correre, gli piace la MotoGP. Dipenderà molto da quel primo test e da come si sente con la moto“.

Il ritorno del Dovi

Tra Andrea Dovizioso e i tecnici Davide Tardozzi e Paolo Ciabatti è rimasto un ottimo rapporto. Qualche screzio solo con Gigi Dall’Igna che, a suo dire, non lo avrebbe ascoltato sulla strada da seguire per l’evoluzione del prototipo. La speranza è di ritrovarsi in pista per dare vita ad una sana e spettacolare sfida in MotoGP. Questa volta, però, da rivali. “Sarebbe bello rivedere Andrea su un circuito GP. Ma non posso dire di più al riguardo, perché non ho più informazioni al riguardo di chiunque altro“.

Fino allo scorso inverno ha rifiutato ogni offerta. Chiusa la trattativa con KTM per un mancato accordo economico (ingaggio intorno ai 4 milioni di euro), ha respinto l’offerta di Noale. E’ rimasto in attesa di conoscere gli sviluppi in casa Honda, alle prese con ‘interrogativo Marc Marquez. Aprilia potrebbe essere adesso l’ultima chance per rimettersi in gioco e tornare nel paddock della MotoGP. “Andrea tornerà a gareggiare solo se è convinto di poter lottare per il podio“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: