cronaca

Torino, festa nella villa in collina dello juventino McKennie con Dybala e Arthur: 10 multati per le norme anti-Covid

torino,-festa-nella-villa-in-collina-dello-juventino-mckennie-con-dybala-e-arthur:-10-multati-per-le-norme-anti-covid

Le feste private sono vietate anche se sei un giocatore della Juventus. Ieri notte, a due giorni dal derby con il Torino di dopodomani e in un momento delicato per la squadra bianconera, i carabinieri del nucleo radiomobile hanno scoperto una festa nella villa di Weston McKennie, il centrocampista bianconero che aveva invitato al suo party anche diversi compagni di squadra.

C’erano anche Paulo Dybala e Arthur Melo, una decina di persone in tutto nella villa del centrocampista americano in collina, comprese fidanzate e amiche dei calciatori e qualche conoscente. Oltre alle multe inflitte dai carabinieri, sono in arrivo sanzioni ben più significative anche da parte della Juventus, i cui vertici sarebbero molto contrariati per quanto accaduto.

Coronavirus, Dybala in campo con la Regione Piemonte: “Vinciamo se facciamo squadra”

Tutti e tre i giocatori, peraltro, stanno vivendo un momento particolare: McKennie non riesce a mettere alle spalle il problema muscolare che lo affligge, così come Arthur ancora alle prese con la calcificazione che l’ha costretto a saltare sei partite tra campionato, Champions League e Coppa Italia. Dybala invece ha chiuso il suo infortunio al ginocchio e sabato sarà a disposizione di Pirlo.

Per tutti e tre l’ “infortunio”, questa volta non sul campo, è avvenuto alle 23,30 di ieri sera: la pattuglia dei carabinieri, avvertita da vicini di casa di McKennie che, disturbati dal rumore, hanno chiamato il 112, ha faticato un po’ a farsi sentire per farsi aprire la porta, tanto che stava per profilarsi una denuncia per resistenza. I militari hanno multato tutti i presenti per aver violato le norme anti-Covid. Ora i giocatori dovranno essere sottoposti tutti a controlli per poter giocare il derby di sabato in sicurezza. 

Intanto la Juventus, sul proprio sito web, conferma la positività al Covid-19 di Merih Demiral. Il difensore, a causa della riscontrata positività al Covid 19 avvenuta mentre era in ritiro con la nazionale turca il 26 marzo, è rientrato in Italia con volo sanitario autorizzato dalle autorità – spiega il club bianconero – e proseguirà il suo isolamento fiduciario a Torino, nel “J|Hotel” accanto all’Allianz Stadium.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: