cronaca

Silvi, tre offerte per lo stadio In corsa anche il Pescara calcio 

silvi,-tre-offerte-per-lo-stadio in-corsa-anche-il-pescara-calcio 

Le società sportive hanno risposto al bando del Comune per la gestione triennale dell’impianto Costituita la commissione giudicatrice dell’ente che tra dieci giorni esaminerà tutte le proposte

SILVI. Sono tre le società sportive che hanno risposto al bando del Comune per la gestione triennale dello stadio comunale “Ughetto Di Febo” di Silvi. Sono quella del Silvi Calcio presieduta da Antonio Del Vecchio, quella del Pescara Calcio di Daniele Sebastiani e quella di un ente di promozione sportiva con sede a Caserta.

La gestione sarà aggiudicata mediante il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo partendo da una base stimata della concessione di un milione e 132mila euro. La commissione esaminatrice provvederà a verificare le varie offerte già nella giornata di lunedì 12 aprile per accertare se i tre partecipanti alla gara abbiano tutti i requisiti richiesti e successivamente a questo provvederà a designare il nuovo gestore dell’impianto sportivo.

Il presidente della commissione è Nazzareno Ferrante insieme a Cristina Astolfi e Annapia Amelii. Al bando lanciato dal Comune per via telematica lo scorso 28 dicembre, non ha partecipato, come annunciato inizialmente, il presidente della Castrum Silvi Vito Partipilo, consigliere comunale di minoranza, che sulla vicenda aveva polemizzato proprio con Del Vecchio.

Partipilo, in occasione di quella polemica, aveva caldeggiato l’ingresso di Sebastiani sul territorio silvarolo poichè, a suo dire, avrebbe contribuito alle spese di manutenzione dell’impianto e avrebbe inoltre avuto un ritorno in termini di immagine considerando che il Pescara svolge i suoi allenamenti nel vicino campo “Poggio degli Ulivi” di Città Sant’Angelo. Ieri, dagli uffici del Comune hanno fatto sapere che, almeno per il momento, gli amministratori preferiscono non commentare in attesa della fine dell’istruttoria che deciderà sulla futura assegnazione dell’impianto.

L’affidamento dello stadio “Di Febo” non comprende solo l’impianto di calcio ma anche un campo da basket e di alcune aree di pertinenza come punto ristoro e spalti. Il concessionario dovrà provvedere alla manutenzione di tutto l’impianto sportivo che comprende oltre al campo in erba naturale anche quello adiacente in erba sintetica. Dovrà inoltre conservare con cura gli spazi, effettuare una idonea vigilanza, pulire le aree di pertinenza come gli spogliatoi e dovrà manutenere gli impianti di illuminazione.

Nel capitolato di appalto, inoltre, è stabilito che l’uso dell’impianto di via Leonardo da Vinci dovrà essere concesso, con le tariffe stabilite e approvate dalla giunta comunale, prioritariamente a società o associazioni sportive che abbiano sede legale e operativa a Silvi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: