SPORT

MotoGP, Francesco Bagnaia fa autocritica: “Non posso fare certi errori”

motogp,-francesco-bagnaia-fa-autocritica:-“non-posso-fare-certi-errori”

Un problema al sistema di partenza ha complicato la gara di Bagnaia, ma anche alcuni errori: “Sono arrabbiato, oggi non posso essere contento”.

Francesco Bagnaia fa mea culpa e archivia il secondo weekend MotoGP del Qatar. La partenza dalla sesta casella non lo ha aiutato, ma ancora meno il sistema di partenza. Alla fine del primo giro ‘Pecco’ era infatti indietro rispetto alla qualifica e alcuni errori sul finale hanno compromesso le sua possibilità di vincere.

“Il mio sistema di partenza non ha funzionato”, ammette. “Peccato perché la mia velocità era molto meglio della scorsa settimana ed ero in grande fiducia”. Anche troppa: “L’extra confidenza mi ha portato a fare un errore in curva 1. Non è una cosa accettabile, avrei potuto fare almeno podio oggi”.

“Pensavo di poter vincere”

Podio o addirittura meglio: “Ho pensato di poter vincere la gara. Una volta dietro a Zarco ho cercato di gestire la gomma, ma poi Quartararo mi ha passato e sono finito nel tunnel della scia di Zarco”. Un errore fatale: “Ho capito che non sarebbe stato possibile fermarsi, non posso commettere di nuovo uno sbaglio del genere”.

Ducati lascia dunque il Qatar senza vittorie: “Yamaha ha lavorato tanto ed è molto competitiva. Noi siamo meglio in accelerazione, ma superarli sul rettilineo non è facile”. C’è del lavoro da fare: “Sono felice di quanto fatto e di aver raccolto tante informazioni utili, ma non sono contento del risultato”.

“Deluso da me stesso e arrabbiato”

Si guarda al bicchiere mezzo pieno: “3° all’esordio con il team, ma oggi potevamo almeno ripetere il risultato. Alla fine della gara avevo gestito bene le gomme, la tabella dei tempi lo dimostra. Abbiamo raccolto meno di quanto avremmo dovuto”. Bagnaia prosegue: “Sono deluso da me stesso e arrabbiato. Accuso il colpo e cercherò di imparare dagli errori”

Pecco torna poi sul sistema di partenza: “Ha un sistema di aggancio, ma non è facile perché quando ti devi fermare in un punto precise è complicato trovarlo. Dobbiamo capire come mai non ce l’abbia fatta”. Sarebbe potuta diventare una gara diversa: “Avrei gestito le cose in modo differente, magari cercando di fare il mio ritmo mettendomi davanti”.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: