cronaca

Brindisi nella saletta di un bar e assembramenti: raffica di multe nel weekend

brindisi-nella-saletta-di-un-bar-e-assembramenti:-raffica-di-multe-nel-weekend

Controllate 1.484 persone e 26 sanzionate per varie violazioni alla normativa anti Covid, dal mancato uso delle mascherine agli assembramenti.

È il bilancio dei controlli straordinari interforze del fine settimana di Pasqua, da sabato al lunedì dell’angelo. 

Gli esercizi pubblici e commerciali controllati sono stati 883, di cui 4 sanzionati per non aver rispettato le normative. Uno di questi è stato sottoposto alla chiusura provvisoria per cinque giorni.

In particolare, nel giorno di Pasquetta, il titolare di un bar di Vasto consentiva l’accesso nel locale a sei avventori che sono stati trovati a consumare bevande alcoliche in una saletta.

L’attività è stata disposta dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto della provincia di Chieti, Armando Forgione, e composto dal questore della provincia di Chieti, Annino Gargano, e dai comandanti provinciali dell’Arma dei Carabinieri, Alceo Greco, e della guardia di finanza, Serafino Fiore.

I servizi sono stati attuati dal questore della provincia di Chieti attraverso l’impiego su tutto il territorio provinciale di personale della polizia di Stato, dell’Arma dei carabinieri e della guardia di finanza, con la partecipazione delle polizie locali, della capitaneria di porto di Ortona e di un elicottero del 11° reparto volo della polizia di Stato di Pescara.

I servizi sono stati svolti principalmente a Chieti, Lanciano, Vasto, Francavilla al Mare e San Giovanni Teatino, nonché sulle principali arterie stradali e ai caselli autostradali, con l’impiego della polizia stradale, e sono stati finalizzati soprattutto a controllare la legittimità degli spostamenti durante le festività pasquali, regolamentati dalla normativa che ha applicato all’intero territorio nazionale le restrizioni relative alle “zone rosse”.

Grazie anche all’impiego specialistico di militari della capitaneria di porto di Ortona e dell’elicottero della polizia di Stato sono state monitorate anche la fascia costiera e marittima di tutta la provincia, nonché le zone montane, mete tradizionalmente interessate da maggior afflusso di persone, senza riscontrare particolari situazioni di criticità, a dimostrazione che la cittadinanza è stata nel complesso prudente e rispettosa delle regole.

I servizi di controllo proseguiranno anche nei prossimi giorni, tenendo conto dell’alleggerimento delle misure restrittive per l’intero territorio teatino, sottoposto alla normativa per le “zone arancioni”. In particolare, considerando la riapertura in presenza delle scuole, saranno intensificati i controlli ai trasporti pubblici locali ed extraurbani nonché durante gli ingressi e le uscite degli studenti dai relativi plessi scolastici.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: