cronaca

L’Aquila illumina la notte del dolore / DIRETTA STREAMING

l’aquila-illumina-la-notte-del-dolore-/-diretta-streaming

Il fascio di luce emesso da piazza Duomo (foto Fabio Iuliano)

L’ANNIVERSARIO DEL TERREMOTO

Fiaccole alle finestre e sui balconi, dalla città si diffonde in tutta Italia il gesto simbolico in ricordo delle 309 vittime del 2009. Alle Anime Sante la messa con la lettura dei nomi. E domani 6 aprile fiori all’ingresso del Parco della Memoria

IL MEMORIALE DELLE VITTIME DEL TERREMOTO

di Michela Corridore

L’AQUILA . Due giorni di dolore per la città dell’Aquila. Nel dodicesimo anniversario dal sisma che colpì la città nella notte tra il 5 e il 6 aprile 2009, i familiari delle vittime e tutta la municipalità tornano a chiedere la mobilitazione simbolica dell’Italia per non dimenticare e l’accensione di una luce sui balconi e alle finestre di tutto il Paese. L’epidemia da coronavirus, infatti, impedisce la fiaccolata che tradizionalmente, fino al 2019, ha attraversato il centro della città. Anche il consueto programma delle celebrazioni subisce variazioni, a seguito delle disposizioni governative per il contrasto del contagio.

SEGUI QUI LA DIRETTA STREAMING dalla pagina fb del Comune dell’Aquila

LA FIACCOLATA VIRTUALE. Per il secondo anno consecutivo il Comune e i comitati dei familiari delle vittime hanno lanciato un appello all’Anci nazionale e regionale affinché i sindaci e gli italiani, nella notte tra il 5 e il 6 aprile, accendano nei comuni e alle loro finestre, una luce di speranza. Un appello raccolto da moltissimi e in particolare dai rappresentanti del coordinamento nazionale “Noi non dimentichiamo”, una rete che raccoglie in tutta Italia diciotto tra associazioni e comitati di familiari delle vittime di alcune tra le principali tragedie avvenute nel Paese negli ultimi anni.



CERIMONIA RELIGIOSA. Alle 18 di oggi (lunedì 5 aprile), nella chiesa di Santa Maria del Suffragio, in piazza Duomo, si svolge la celebrazione liturgica presieduta dall’arcivescovo dell’Aquila e presidente della Ceam (Conferenza episcopale Abruzzo-Molise), il cardinale Giuseppe Petrocchi. Durante la cerimonia religiosa viene data lettura dei nomi delle vittime del sisma; successivamente il primo cittadino Pierluigi Biondi pronuncia un breve intervento. Quindi, il sindaco, il prefetto Cinzia Torraco e il cardinale rendono omaggio alle lapidi delle vittime del terremoto nella Cappella della Memoria situata all’interno della chiesa. Alle 21, in piazza Duomo, viene azionato il dispositivo che emette un fascio di luce che si staglia verso il cielo. Alle 21,15 i 309 rintocchi di campana risuonano nel centro storico. Segue, a cura di un vigile del fuoco, l’accensione di un simbolico braciere posizionato nei pressi della chiesa. Presenziano il prefetto, il sindaco, il cardinale, e il sindaco di Cugnoli (Pescara) Lanfranco Chiola, in rappresentanza dei Comuni del cratere sismico.



IL 6 APRILE. Nel dodicesimo anniversario del sisma, domani (martedì) alle 10,30, sindaco, prefetto e arcivescovo partecipano alla cerimonia commemorativa organizzata nella Scuola ispettori e sovrintendenti della guardia di finanza alla presenza del comandante, generale di divisione Cristiano Zaccagnini. Alle 12 il primo cittadino, il prefetto, l’arcivescovo, il presidente della Regione Marco Marsilio, il presidente del consiglio comunale Roberto Tinari, un rappresentante dei Comitati dei familiari delle vittime e il sindaco di Villa Sant’Angelo Domenico Nardis, in rappresentanza dei Comuni del cratere, si ritrovano davanti al sito della Casa dello studente, in via XX Settembre, per omaggiare e ricordare le 309 vittime.

IL LUTTO. Per l’intera giornata di domani è stato proclamato il lutto cittadino. È stata disposta l’esposizione a mezz’asta delle bandiere situate sugli edifici delle amministrazioni pubbliche. Con il provvedimento si invitano le attività commerciali ad abbassare le saracinesche fino alle 11. Nonostante le restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria, il comitato dei familiari delle vittime del sisma intende comunque organizzare un momento di condivisione. «E allora il 6 aprile, quando torneremo a essere in zona arancione», fanno sapere, «sarà possibile andare nell’area antistante il Parco della memoria, all’ingresso principale di Piazzale Paoli, di fronte alla Villa comunale, e sotto il grande telo che raccoglie i nomi delle vittime chi vorrà potrà lasciare viole o primule che verranno messe successivamente a dimora».

IL CONCERTO. Il Conservatorio Casella intende ricordare le 309 vittime del terremoto, tra cui alcuni suoi studenti, con un concerto il 5 aprile. Dal giorno successivo si può seguire su tutti i canali social del Conservatorio. Il concerto vuole essere anche un omaggio all’Aquila, diventando, da quest’anno in poi, un appuntamento fisso delle commemorazioni del 6 aprile aperto gratuitamente ai cittadini.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

SUL CENTRO IN EDICOLA L’INSERTO DEL RICORDO

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: