cronaca

D’Eramo, bordate su Testa «File al laboratorio analisi» 

d’eramo,-bordate-su-testa «file-al-laboratorio-analisi» 

Il deputato della Lega di nuovo all’attacco del direttore generale dell’Asl E a San Demetrio 4 nuovi contagi emersi a fronte dei 438 tamponi effettuati

L’AQUILA. Sono 497 le persone attualmente positive in città, 817 quelle in isolamento domiciliare. I dati arrivano dall’Asl: ieri si sono registrati altri 3 casi (dato del Comune), 9 in tutta la provincia, 2 a San Demetrio ne’ Vestini, uno nel comune di San Pio delle Camere e uno a Caporciano. Il tracciamento è ancora però condizionato dai pochi tamponi effettuati durante le festività pasquali. Sono 4 i positivi emersi dallo screening che si è svolto a San Demetrio ne’ Vestini, su un totale di 438 test, nessun positivo a Scoppito tra i 163 alunni delle scuole primarie che si sono sottoposti al tampone rapido. Sul fronte politico, il deputato aquilano e coordinatore regionale della Lega Luigi D’Eramo torna ad attaccare il manager dell’Asl Roberto Testa: «La peggiore direzione generale degli ultimi 30 anni».

D’ERAMO CONTRO TESTA. Il deputato della Lega ha pubblicato sui social una fotografia scattata ieri all’ospedale San Salvatore, con una lunga fila di cittadini in attesa davanti agli ambulatori delle analisi: «Ecco le condizioni dell’ospedale dell’Aquila», ha commentato D’Eramo, «con la gestione dell’attuale direttore generale. Cittadini ammassati per un’intera mattinata per fare le analisi. Una vergogna. La peggiore direzione generale degli ultimi 30 anni e lo hanno fatto venire anche da Roma questo fenomeno». D’Eramo non usa mezzi termini e lancia stilettate anche contro alcuni suoi concittadini: «Mi sorprende come “aquilani”, o meglio ancora “aquilani acquisiti”, pur di fare uno scatto di carriera in Asl si siano abbassati a questo sistema di inefficienza e incapacità. Prima gli aquilani, prima i cittadini. Sempre dalla parte del popolo», così conclude l’invettiva.

SCREENING COMUNI. A San Demetrio ne’ Vestini, dove si contano attualmente 21 contagi, il 6 aprile si è svolto uno screening aperto alla popolazione e anche ai residenti dei comuni limitrofi. Hanno partecipato in 438, con 4 casi positivi emersi. L’amministrazione comunale ringrazia tutti coloro che si sono sottoposti a tampone e tutto il personale medico e paramedico che ha partecipato attivamente. Nel Comune di Scoppito lo screening era rivolto alla popolazione scolastica e in particolare agli alunni delle primarie. Nessun positivo sui 163 test effettuati. Lo rende noto il sindaco Marco Giusti che ringrazia «il dottor Antonio Altamura e i volontari che hanno permesso lo svolgimento dello screening. Un grazie anche alla protezione civile Grisù per la partecipazione e al personale dipendente del Comune».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: