cronaca

Ecco il polo per i vaccini: lunedì l’inaugurazione 

ecco-il-polo-per-i-vaccini: lunedi-l’inaugurazione 

La Scuola edile di San Vittorino dovrà sostituire l’inadeguato centro di via Ficara Spazio di mille metri quadri, 350 posti auto e ingresso e uscita separati 

L’AQUILA. Sarà inaugurato lunedì prossimo, 3 maggio, nella frazione di San Vittorino, il nuovo polo vaccinale L’Aquila ovest. La cerimonia è in programma alle 11.

A breve il comprensorio dell’Aquila potrà contare su una nuova sede in cui portare avanti la campagna vaccinale all’interno della struttura da poco realizzata nella Scuola edile di San Vittorino, alla periferia ovest della città. Si tratta di una struttura nuova di zecca, e mai utilizzata prima, la cui costruzione è terminata circa un mese fa e che era destinata ad accogliere gli uffici e le aule dell’Ese-Cpt, ente paritetico unificato per la formazione, la sicurezza e la salute della provincia dell’Aquila, nato dalla fusione nel 2016 della Scuola edile e del Comitato paritetico della Provincia dell’Aquila, comitato che vede la partecipazione dell’Ance L’Aquila, associazione costruttori edili della provincia, e le organizzazioni sindacali provinciali dei lavoratori edili, Feneal-Uil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil.

Lo scopo della struttura è quello dell’addestramento, la qualificazione e la specializzazione delle maestranze operanti nel settore edile. Lo spazio che verrà riservato al polo vaccinale sarà circa la metà dei duemila metri quadri in cui si sviluppa l’intera scuola edile. Il pubblico convocato per le vaccinazioni potrà accedere dall’ingresso sulla Statale 80, subito dopo l’abitato di San Vittorino, in direzione Arischia. Per lasciare la struttura dopo la vaccinazione sarà invece utilizzata l’uscita di via Pizzoli, sotto l’abitato di San Vittorino. Le persone in attesa di vaccinazione avranno a disposizione un grande parcheggio esterno (da 350 posti).

Per quanto riguarda invece gli allestimenti interni, gli operai sono al lavoro per adibire la struttura.

Nelle scorse settimane erano già iniziati i lavori di trasferimento della scuola edile, con il trasloco degli arredi degli uffici e della aule studio.

La scelta condivisa di realizzare il polo vaccinale ha quindi comportato la necessità di riportare indietro nella vecchia sede i mobili e le sedie appena traslocati. Il nuovo polo è destinato a superare le criticità emerse nel polo vaccinale di via Ficara, troppo angusto e con le persone costrette ad attendere il proprio turno in mezzo alla strada, all’esterno dell’ex modulo scolastico, anche sotto la pioggia. (r.p.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA .

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: