attualità

Folla in centro e al mare ma anche zuffe tra ragazzini

LANCIANO. Folla in centro per il primo fine settimana in zona gialla. Complice la giornata di festa, sabato e domenica le vie e i locali del centro sono stati presi d’assalto, soprattutto da giovani…

LANCIANO. Folla in centro per il primo fine settimana in zona gialla. Complice la giornata di festa, sabato e domenica le vie e i locali del centro sono stati presi d’assalto, soprattutto da giovani e famiglie che non hanno rinunciato a una “vasca” su corso Trento e Trieste oppure a un caffè o un aperitivo seduti, finalmente, ai tavolini all’aperto dei bar. Anche diversi negozi sono rimasti aperti nella giornata del primo maggio, nella speranza di recuperare gli acquisti persi nei lunghi periodi di chiusura. La voglia di normalità, comprensibile dopo mesi di restrizioni dettati dalla pandemia, contrasta però con il rischio di assembramenti, come dimostrano le immagini del centro di Lanciano in alcuni orari particolari, segnalate anche sui social da tanti cittadini. Le stesse scene si sono ripetute anche nelle località di mare, Fossacesia e San Vito Chietino su tutte, dove in tanti si sono riversati anche per una passeggiata a piedi o in bici sul cantiere della Via Verde.

Non solo folla e assembramenti però a Lanciano, dove nella serata di sabato si sono anche registrate un paio di zuffe in centro, che hanno richiesto l’intervento della polizia: una lite in famiglia tra rom nella zona di piazza Garibaldi, nel centro storico, e un pestaggio tra giovanissimi avvenuto tra piazza Pace e via Monte Maiella. Qui a dare l’allarme sono stati alcuni commercianti, esasperati da gruppi di ragazzi che bivaccano sulla terrazza a pochi metri dal Corso, tra sporcizia, urine e, non di rado, anche episodi di violenza. Come sabato, nel tardo pomeriggio, quando in dieci si sarebbero rivoltati contro un ragazzino. (s.so.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: