cronaca

COSA SUCCEDE IN ABRUZZO / Il Premio Borsellino ricorda la strage di Capaci. Aspettando Giovanna Boda

cosa-succede-in-abruzzo-/-il-premio-borsellino-ricorda-la-strage-di-capaci.-aspettando-giovanna-boda

Il Premio Borsellino  sta organizzando in Abruzzo, dal 18  al 23 maggio, la rassegna di iniziative “Siamo Capaci” per ricordare – soprattutto ai giovani-   cosa accadde il 23 maggio 1992 a Palermo, e cosa accadde dopo le stragi del 1992, quando i cittadini si unirono per gridare “no alla mafia”. Già da diversi giorni, e fino al 23 maggio il ricordo della strage di Capaci sarà affidato a 10 testimoni importanti: il Procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho, il Procuratore del pool di Falcone e Borsellino  Leonardo Guarnotta, il Prefetto Luigi Savina, la moglie del caposcorta Tina Montinaro, l’avvocato Antonio Ingroia già procuratore a Palermo,  il generale dell’Arma Angiolo Pellegrini braccio destro di Giovanni Falcone a Palermo, saranno  con le loro testimonianze – interviste di ricordo a disposizione delle scuole che vogliono approfondire il tema, alternandosi  sulla piattaforma educativa www.officinalegalità.it  realizzate dai docenti Graziano Fabrizi e Monica Mariani e da Gabriella Sperandio dell’associazione Falcone e Borsellino.

Invece questa sera e domani, Domenica 23 maggio, alle ore 21,00  e ore 23 sulla storica emittente regionale  Teleponte sarà messa in onda la trasmissione speciale “Dentro la notizia” dedicata al 23 maggio con la presenza del procuratore de L’Aquila David Mancini , l’imprenditore e  testimone di giustizia Luigi Leonardi, il Sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto, il rappresentante degli studenti di Teramo solidale Michele Raiola.

In tutte queste occasioni il ricordo e la preghiera va sempre all’amica Giovanna Boda che ha fatto grande il ricordo del 23 maggio, e che anche per quest’anno aveva tante idee per realizzare comunque questa giornata di ricordo e omaggio . Perchè ricordare la strage di Capaci, oggi più che mai, è un dovere. Come è un dovere ricordare una amica che vive un momento di difficolta e non può essere in mezzo a noi come avrebbe fortemente per  commemorare la morte del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti di scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani, Agostino Catalano. Ma anche Paolo Borsellino, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi e Claudio Traina. Eroi, esempi illustri di servitori dello Stato .

Giovanna ti aspettiamo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: