pescara

Esame di Stato: entro il 31 la tesina 

esame-di-stato:-entro-il-31-la-tesina 

Le ultime novità prima della data fatidica del 16 giugno, quella della prova orale

di Roberto Ciuffini

Ultimi giorni a disposizione dei maturandi per consegnare l’elaborato interdisciplinare sul quale verterà il colloquio orale che, a causa delle restrizioni imposte dal Covid-19, anche quest’anno costituirà l’unica prova degli esami di Stato.

La scadenza è fissata al prossimo 31 maggio: entro quella data ciascuno studente dovrà presentare il proprio lavoro, sviluppato sulla base di argomenti concordati con il consiglio di classe.

COME SARÀ L’ESAME. La maturità 2021 inizierà il 16 giugno e non sarà molto diversa da quella dello scorso anno: niente prove scritte, sostituite da un unico orale che verrà svolto in presenza.

L’ORALE. Il colloquio “rinforzato”, o maxi orale, avrà una durata di circa un’ora. Per essere ammessi, gli studenti dovranno riportare almeno un sei in ciascuna disciplina e un voto di comportamento non inferiore alla sufficienza. È tollerata solo un’insufficienza, ma in quel caso l’ammissione dovrà essere motivata da un provvedimento adottato dal consiglio di classe. Non verranno considerati, invece, né le prove Invalsi né i Pcto, i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (l’ex alternanza Scuola-Lavoro).

VOTO FINALE. La votazione finale sarà sempre in centesimi: l’orale sarà valutato fino a 40 punti, mentre i restanti 60 saranno il frutto dei crediti ottenuti dagli studenti durante l’ultimo triennio.

GLI ELABORATI. L’orale partirà dalla presentazione di un elaborato, che verterà sulle materie comunicate a marzo e sarà costruito sulla base di argomenti indicati lo scorso aprile a ciascuno studente dai consigli di classe, che hanno provveduto anche all’indicazione, tra tutti i membri designati per far parte delle sottocommissioni, di tutor di riferimento, a ciascuno dei quali è assegnato un gruppo di studenti.

Ma non è finita qui perché i maturandi saranno chiamati a rispondere anche ad altre domande: la discussione di un breve testo oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di lingua e letteratura italiana; l’analisi di un materiale assegnato dalla commissione, sempre coerente con il percorso fatto; e, infine, l’esposizione delle esperienze svolte nell’ambito del Pcto.

SCADENZE. L’elaborato deve essere trasmesso dal candidato al docente di riferimento per posta elettronica entro il 31 maggio. In caso di mancata consegna, la discussione si svolgerà comunque in relazione all’argomento assegnato, e della mancata trasmissione si terrà conto in sede di valutazione della prova d’esame.

Per gli studenti dei licei musicali e coreutici, la discussione è integrata da una parte performativa individuale, a scelta del candidato, anche con l’accompagnamento di altro strumento musicale, della durata massima di 10 minuti.

COMMISSIONI. Le commissioni saranno formate da 6 docenti interni che fanno parte dei consigli di classe e da un presidente esterno. Gli studenti affronteranno l’esame in presenza dei docenti che li hanno accompagnati nell’ultimo anno e non ci saranno commissari esterni.

CURRICULUM STUDENTE. Rispetto all’anno passato, c’è una novità assoluta: il curriculum dello studente, pensato per raccogliere le esperienze svolte dai maturandi nel percorso formativo. Per compilare il curriculum, il ministero dell’Istruzione ha messo a disposizione una piattaforma attivata il 6 aprile. Le scuole potranno verificare e eventualmente integrare le informazioni relative al percorso di studi dei ragazzi, che avranno un ruolo attivo nella definizione e nell’arricchimento del documento: potranno accedere al sito, inserendo informazioni sulle attività svolte in ambito extrascolastico e sulle certificazioni che possiedono, con particolare attenzione a quelle che possono essere valorizzate nell’elaborato e nello svolgimento del colloquio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: