cronaca

Le stragi 29 anni dopo, Mattarella nell’aula bunker: “O si sta contro la mafia o si è complici”. E sul caos procure: “Basta scontri”

le-stragi-29-anni-dopo,-mattarella-nell’aula-bunker:-“o-si-sta-contro-la-mafia-o-si-e-complici”.-e-sul-caos-procure:-“basta-scontri”

“Nessuna zona grigia, omertà, o si sta contro la mafia o si e complici dei mafiosi, non ci sono alternative”. Le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella risuonano nell’aula bunker in ricordo delle vittime delle stragi. “La mafia non è invincibile e può essere definitivamente sconfitta”. Parole di speranza e di impegno. Il Capo dello Stato lancia un appello preciso contro le cosche, che suona come un monito: “La mafia esiste ancora – dice – non è stata sconfitta. E’ necessario tenere sempre attenzione alta e vigile da parte dello Stato”.

Mattarella mette in risalto il ruolo della società civile nella battaglia contro la criminalità organizzata e la subcultura che la pervade: “L’onda di sdegno e di commozione generale, suscitata dopo i gravissimi attentati a Falcone e a Borsellino, il grido di dolore e di protesta che si è levato dagli italiani liberi e onesti è diventato movimento, passione, azione. Hanno messo radici solide nella società. Con un lavorio paziente e incessante, hanno contribuito a spezzare le catene della paura, della reticenza, dell’ambiguità, del conformismo, del silenzio, della complicità”. Parole accorate, nel discorso di Mattarella c’è un vero e proprio manifesto di impegno per rilanciare la lotta alla mafia.

Un passaggio, forte, è dedicato anche alla magistratura: “Sentimenti di contrapposizione, contese, polemiche all’interno della magistratura minano il prestigio e l’autorevolezza dell’organo giudiziario”, ribadisce il Capo dello Stato. E ancora: “Se la magistratura perde credibilità, si indebolisce anche la lotta ai boss”.

L’atto d’accusa di Manfredi Borsellino

Prima ancora che inizino le manifestazioni ufficiali per ricordare le vittime della strage di Capaci, è Manfredi Borsellino, il figlio del giudice Paolo, anche lui ucciso nel 1992, a esprimere tutto il dolore per una ferita che resta aperta. “Le istituzioni non fecero tutto quello che c’era da fare per salvare uno dei suoi figli migliori”, dice in diretta a Uno Mattina. E’ la prima volta che Manfredi parla in Tv di suo padre e di quei giorni. Indossa la divisa di commissario di polizia, dice: “Mi onoro di portare questa divisa, sono grato a tutti gli agenti che in quelle settimane drammatiche accettarono, volontari, di scortare mio padre. Sapevano a cosa andava incontro dopo l’attentato di Capaci”. Manfredi Borsellino fa una pausa e prosegue, pesando le parole, che tornano ad essere pietre: “Questa uniforme che indosso non l’hanno invece onorata alcuni vertici della polizia in quegli anni, prima e dopo la morte di mio padre”. Una ferita ancora aperta, che richiama i misteri di quel 1992. Chi tradì Falcone e Borsellino?  

Strage di Capaci, l’appello di Tina Montinaro: “Ci aspettiamo dallo Stato la verità sull’attentato”

E’ il giorno della memoria e dell’impegno, per cercare le verità che ancora non abbiamo: questo il messaggio che lancia la Fondazione Falcone con l’iniziativa di questa mattina al bunker.

La mafia e i misteri

La Cosa nostra delle stragi è stata sconfitta dallo Stato, ma ci sono ancora tanti misteri attorno a quella stagione di sangue e trattative. Chi li conosce tutti quei misteri è l’ultimo grande latitante di Cosa nostra, Matteo Messina Denaro: dovrebbe essere rinchiuso all’ergastolo per le bombe del 1992-1993, ma sembra ormai diventato un fantasma. Nel segno di Messina Denaro, le cosche si sono riorganizzate, nonostante arresti e sequestri di beni, ora puntano su nuovi affari, che inquinano la società e l’economia legale.

Nella grande aula verde c’è il presidente della Camera, Roberto Fico; ci sono anche i ministri dell’Interno, della Giustizia e dell’Istruzione: Luciana Lamorgese, Marta Cartabia e Patrizio Bianchi. E poi i vertici delle forze dell’ordine: il capo della polizia Lamberto Giannini, il comandante generale dell’Arma dei carabinieri Teo Luzi e il comandante generale della Guardia di finanza Giuseppe Zafarana. Anche quest’anno, è un 23 maggio particolare.

“L’impegno contro i boss”

Per la pandemia, non c’è il popolo festoso degli studenti a riempire l’aula bunker. Ma una delegazione di ragazzi è comunque presente, sono i vincitori del concorso “Cittadini di un’Europa libera dalle mafie” promosso dalla Fondazione Falcone e dal ministero dell’Istruzione. “Anche quest’anno sono stati 70 mila gli studenti di tutta Italia che hanno partecipato alle nostre attività mirate alla diffusione della cultura della legalità”, dice Maria Falcone. “L’impegno degli studenti ribadisce che la lotta alla mafia prosgue e che lo Stato c’è”. L’impegno contro le cosche lo ribadisce la ministra Lamorgese: “Il metodo di Giovanni Falcone era quello di creare una rete tra organismi investigativi come al tempo del terrorismo. Con quel metodo proseguiremo. Perché la mafia non ha confini, è riuscita riuscita a infiltrarsi nell’economia legale, anche in alcuni settori sanitari”.

“Il lavoro di Falcone fu straordinario – dice la ministra Cartabia – andare alla ricerca della forza economica della mafia lo portò a sviluppare la consapevolezza che occorreva lavorare a livello internazionale. Quando venne al ministero nel ’91 iniziò la fase di cooperazione internazionale, fu un periodo breve ma fecondissimo. A livello europeo, fu Falcone il primo a intuire che occorreva una protezione penale degli interessi finanziari. Tra qualche settimana prenderà avvio la Procura europea, una istituzione dell’Ue, anche qui troviamo un lascito di Falcone”.

Il capo della polizia ricorda quel giorno: “Il 23 maggio ero in servizio sala operativa questura di Roma. Arrivò questa notizia, mano a mano si andava chiarendo il tutto e ci fu un attimo di sconcerto di dolore. Però vidi subito la determinazione, mentre si cercava di avere notizie, dall’altra si doveva continuare nel lavoro. Arrivarono chiamate di cittadini che davano un senso di vicinanza e affetto. Questo ci colpì molto. Fu un momento difficile, Falcone era per noi un simbolo”.

Il reparto scorte

Dopo la manifestazione all’aula bunker, il presidente Mattarella si è spostato alla caserma della polizia Pietro Lungaro, per deporre una corona di alloro al Reparto scorte, davanti alla lapide che ricorda gli agenti uccisi nelle stragi di Capaci e di via D’Amelio. Nel giardino davanti al Reparto scorte è stata sistemata la nuova teca che custodisce i resti della Quarto Savona 15, l’auto dei poliziotti che proteggevano Falcone. Il presidente Mattarella si stringe ai familiari delle vittime; accanto a lui, c’è il capo della polizia, che consegna ai parenti i nuovi distintivi. Come se Antonio, Rocco e Vito fossero ancora vivi.

Le manifestazioni

Oggi pomeriggio, gli studenti saranno i protagonisti dell’altro momento del ricordo e dell’impegno, che si tiene nel giardino dove 29 anni fa c’era il cratere della strage: Tina Montinaro, la vedova del caposcorta di Falcone, ha coinvolto le scuole palermitane in un “rap contest”, una sfida in musica e testi per raccontare i martiri di Capaci e la speranza di trovare ancora la verità su quello che è accaduto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: