cronaca

Positivo dopo le dosi,  ma è un falso allarme Agente fuori pericolo 

positivo-dopo-le-dosi,- ma-e-un-falso-allarme agente-fuori-pericolo 

Scongiurato focolaio in carcere, c’era un sospetto contagio Il tampone molecolare ha ribaltato l’esito del test rapido

SULMONA. Era risultato positivo al teste del Covid-19 dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino. Un fatto anomalo secondo l’Asl, anche perché l’uomo, un poliziotto penitenziario in servizio nel carcere di Sulmona, non aveva mai accusato disturbi né i classici sintomi riferibili al virus. Ieri, i sospetti dell’Asl si sono rivelati fondati all’esito del tampone molecolare di conferma che, infatti, ha dato esito negativo. Oltre al diretto interessato tirano un sospiro di sollievo anche i responsabili del carcere peligno, già in allerta per le possibili conseguenze che avrebbe potuto creare il caso. Buone notizie arrivano anche dal fronte dei contagi. Ieri la casella dei nuovi positivi nella tabella dell’Asl è rimasta vuota. Un fatto che si è verificato per la seconda volta nel corso dell’ultima settimana. Anche se il dato era prevedibile, visto che nella giornata della Festa della Repubblica il drive through gestito dai carabinieri in località Incoronata, non ha effettuato tamponi. Restano quindi 109 i residenti nel Centro Abruzzo alle prese con il Covid-19. Di questi, 51 sono di Sulmona, con i sorvegliati che scendono sotto i 500. Qualche preoccupazione resta legata al focolaio della tabaccheria di Pratola Peligna al quale è legata la dozzina di contatti accertati negli ultimi giorni in paese e a Sulmona. Ieri altre quattro persone di questo fronte, risultate positive al test rapido, sono state sottoposte al tampone molecolare di verifica. Sempre ieri sono iniziate le vaccinazioni degli studenti chiamati a sostenere gli esami di maturità: proseguiranno ancora oggi e domani. Alla fine della giornata sono stati 142 gli studenti che hanno ricevuto il vaccino a Sulmona mentre per domani sono stati già messi in preallarme altri 143 maturandi. A Castel di Sangro e Pratola sono stati vaccinati rispettivamente, 44 e 18 studenti. Anche ieri sono saltate le seconde dosi di richiamo AstraZeneca e sempre per mancanza dei vaccini che non sono arrivati dalla sede centrale di Roma. Stessa cosa succederà oggi con gli interessati già avvisati dall’Asl. Nei tre centri di vaccinazione del Centro Abruzzo, oltre a quelle dei maturandi, sono state distribuite 288 dosi a Sulmona, 270 a Pratola e 50 a Castel di Sangro. Intanto i responsabili del centro di vaccinazione sulmonese hanno fatto sapere che quello che viene consegnato tutti i mercoledì su richiesta dei diretti interessati, impropriamente chiamato green pass, è la certificazione rilasciata dall’Asl in attesa del digital covid certificate rilasciato dall’Ue per ripristinare la libertà di movimento nel territorio comunitario. (c.l.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA .

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: