cronaca

A Villa Clemente si costruirà un teatro  Progetto da 5 milioni 

a-villa-clemente si-costruira-un-teatro- progetto-da-5-milioni 

Il Comune presenta il piano al Governo per ottenere i fondi Il sindaco: «Finalmente uno spazio per la cultura in città» 

ROSETO. Consolidamento delle mura e una sala polifunzionale sul retro da utilizzare come centro congressi o teatro. E’ il progetto di riqualificazione di Villa Clemente da 5 milioni che ieri è stato inviato dall’amministrazione comunale al Governo per il bando sulla rigenerazione urbana promosso dal ministero dell’Interno per i Comuni sotto i 50mila abitanti. «Spero che ci possano finanziare questo progetto importante», dice l’assessore all’urbanistica, Orazio Vannucci, «ma credo che non ci siano problemi».

L’intervento prevede il consolidamento e il recupero degli attuali resti della villa, la costruzione del nuovo corpo principale e la realizzazione di una sala conferenze. Il principale volume, ospitante la sala “cinema-teatro”, è stato posizionato alle spalle delle quinte murarie di Villa Clemente in posizione defilata rispetto all’allineamento stradale, lasciando integro il giardino e preservando la maggior parte delle essenze arboree presenti. «La parete fronte statale 16 della Villa con la sua torre in stile liberty», precisa Vannucci, «saranno preservate e riqualificate, mentre la parte sul retro subirà una modifica sostanziale. Il nuovo edificio si inserisce all’interno dell’involucro murario della villa generando un dialogo tra il nuovo e l’esistente, rispettando il luogo e il tessuto urbano tipico di Roseto. Sul fronte sud del fabbricato si andrà a formare una piazza che andrà a costituire uno spazio di sosta nel verde». Questo progetto non è nuovo, ma è stato ripreso da quello del 1996 del premio di architettura della fondazione Tetrakis, rivisto poi nel 2004, e ora è stato adeguato ai tempi e ai costi attuali.

Anche il sindaco Sabatino Di Girolamo è soddisfatto della presentazione di questo progetto. «Abbiamo voluto candidare Villa Clemente per cogliere questa importante opportunità», spiega il sindaco, «poiché rientra a pieno titolo nella finalità del decreto che finanzia interventi per la riqualificazione o rifunzionalizzazione di aree pubbliche o strutture edilizie esistenti per finalità di interesse pubblico. Auspichiamo adesso di poter portare a casa questo importante finanziamento che si aggiungerebbe come dote importante al tesoretto dei 10 milioni di euro che questa amministrazione si è già aggiudicata per 10 progetti per la mitigazione del dissesto idrogeologico». Grazie a questo progetto il Comune potrà avere finalmente un teatro di sua proprietà e a disposizione della cittadinanza. Da quando è stato chiuso infatti quattro anni fa il cineteatro Odeon, e con l’interdizione della villa Comunale, la città di Roseto non ha un vero e proprio spazio culturale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: