cronaca

“Guardano con odio la mia pelle nera” La denuncia di Seid ora scuote l’Italia

“guardano-con-odio-la-mia-pelle-nera”-la-denuncia-di-seid-ora-scuote-l’italia

NOCERA INFERIORE (Salerno) – “Cuore fragile” non c’è più. Il ragazzo con i ricci crespi che modellava il pallone come un fantasista di talento – qualcuno lo chiamava “il piccolo Maradona”, ha scelto di andarsene. È rimasto il suo nome su un collage di manifesti listati a lutto davanti alla chiesa di San Giovanni Battista, Nocera Inferiore.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: