pescara

Traffico nel caos in città per il lungomare chiuso 

traffico-nel-caos-in-citta per-il-lungomare-chiuso 

Si registrano disagi per il blocco della circolazione a causa delle finali di triathlon Lunghe code in centro e auto sui marciapiedi, scoppia la protesta dei residenti

di Antonella Luccitti

MONTESILVANO. La città si riempie di giovani atleti in gara per le finali nazionali di triathlon e aquathlon, il lungomare chiude alle auto e il traffico esplode in città. Nel corso di questo fine settimana, infatti, Montesilvano sta accogliendo circa 1.800 atleti provenienti da tutta Italia e impegnati, ieri e oggi, nelle gare in fase di svolgimento nel tratto di lungomare della Jova beach party.

A partire da venerdì pomeriggio e fino a questa sera alle 20, dunque, viale Aldo Moro è stato chiuso al traffico. Il primo giorno nel solo tratto compreso tra via Marinelli e via Torrente Piomba, ieri tra viale Europa e via Torrente Piomba e oggi da viale Europa a via Adige. Una chiusura che, soprattutto venerdì pomeriggio, ha visto un fiume di auto riversarsi sulla stretta via Chieti, la strada di Villa Verrocchio a doppio senso e dove le auto hanno la possibilità di parcheggiare. Questo ha decretato una situazione di traffico congestionato messo in luce dai residenti che, foto e video alla mano, hanno lamentato il passaggio di molte autovetture e moto addirittura sul marciapiedi con evidenti rischi per i pedoni. «Va bene organizzare eventi di importanza nazionale, ma bisogna predisporre prima un piano del traffico», sottolinea un residente del quartiere, «avrebbero potuto almeno introdurre un divieto di sosta temporaneo per agevolare il passaggio obbligato delle auto che, per bypassare il tratto di lungomare chiuso, erano costrette a imboccare via Torrente Piomba e poi a svoltare su via Chieti».

A complicare la questione anche i lavori pubblici attualmente in corso su via Lazio, il proseguimento di via Chieti, che creavano un vero e proprio tappo per il flusso di macchine. Non è andata meglio su corso Umberto dove, tutti coloro che erano a conoscenza della chiusura del lungomare, si sono riversati per attraversare la città adriatica. «Ci ho messo oltre mezz’ora per percorrere meno di 500 metri», lamenta un abitante di Montesilvano che doveva raggiungere Pescara per andare a lavoro. «E come se non bastasse c’è anche la chiusura della galleria San Giovanni che impone a noi montesilvanesi diretti verso sud, di dover procedere prima verso nord, arrivare al cimitero di Montesilvano e poi tornare indietro».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: