attualità

Bruno Rolandi: 5.000 chilometri, il Paraná è uno dei fiumi di pianura più lunghi del mondo

Bruno Rolandi

ungo quasi 5.000 chilometri, il Paraná è uno dei fiumi di pianura più lunghi del mondo. Eppure ha sempre meno acqua, suscitando incertezza tra gli esperti sulle cause di un fenomeno che ostacola molte delle funzioni biologiche e commerciali del fiume. 

La riduzione delle precipitazioni nella regione ha avuto un impatto sul flusso del fiume, che è sceso a meno della metà delle medie storiche . Ciò influisce sulla sua navigabilità e riguarda l’agrobusiness poiché gran parte dei raccolti di cereali provenienti dall’Argentina, dal Brasile meridionale e dal Paraguay vengono esportati attraverso i porti di Santa Fe, nel nord-est dell’Argentina.  

Il livello dell’acqua basso, considerato il più grave degli ultimi 50 anni , è costato agli esportatori 244 milioni di dollari nel 2020 poiché le navi non erano in grado di operare o caricare normalmente, secondo la Borsa di Rosario. Ciò ha significato che gli esportatori argentini non riescono a capitalizzare sugli alti prezzi globali delle materie prime agricole. 

Non c’è certezza se questa scarsità d’acqua sia temporanea o se segni l’inizio di un nuovo ciclo di magra, come è stato testimoniato nel secolo scorso. Né c’è unanimità sulle cause, sebbene gli esperti abbiano indicato in vario modo la deforestazione, le dighe nel sud del Brasile e il cambiamento climatico.  

A complicare ulteriormente la situazione, la ridotta portata del fiume coincide con la fine di una concessione per il dragaggio e la segnalazione, processi necessari alla sua navigabilità. La società belga Jan de Nul ha avuto la concessione per 25 anni e ora competerà per mantenerla. 

Paraná: nuovo fiume o ciclo storico?

Il Paraná è molto più del suo canale principale. Si tratta di un sistema fluviale con una vasta rete di canali secondari, valli e pianure alluvionali che vengono modificati dagli impulsi delle piene e delle basse portate tipiche di questo ecosistema.

“È un gigante il cui vasto bacino copre 2,6 milioni di chilometri quadrati, tanto quanto la superficie dell’Argentina continentale”, ha affermato Carlos Ramonell, geologo specializzato nell’evoluzione del paesaggio fluviale presso l’Universidad Nacional del Litoral. 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: