cronaca

Vaccini, in alcune fasce di età superata la media nazionale

TERAMO. La campagna vaccinale anti-Covid in provincia di Teramo continua ad avere numeri confortanti. Leggendo i dati territoriali pubblicati sul “Sole 24 Ore” si nota come per alcune fasce di età la…

TERAMO. La campagna vaccinale anti-Covid in provincia di Teramo continua ad avere numeri confortanti. Leggendo i dati territoriali pubblicati sul “Sole 24 Ore” si nota come per alcune fasce di età la copertura vaccinale relativa alla prima dose sia, nel Teramano, nettamente oltre la media nazionale. È il caso in particolare della fascia 70-79 anni: qui Teramo vanta un 88% di prime dosi contro la media nazionale dell’83% (quella dell’Abruzzo è dell’86%). Molto buono anche il risultato parziale della fascia degli over 30, dove la copertura al momento è del 24% contro il 22% della media nazionale e il 21% della regionale. Nella fascia 80-89 anni Teramo è in linea con la media nazionale (91%) e al di sopra di quella regionale (89%). In quella degli over 40 il 36% di Teramo è leggermente migliore del 34% nazionale e leggermente al di sotto del 38% regionale. Le uniche fasce in cui la provincia è in ritardo sono quelle degli over 60 (Teramo è al 68% contro il 72% nazionale e regionale) e degli over 50 (Teramo è al 48% contro il 53% abruzzese e il 55% nazionale).

Ieri sulla campagna vaccinale si è registrata una presa di posizione polemica dei consiglieri comunali di opposizione di Atri Paolo Basilico e Giammarcio Marcone, che hanno inviato una lettera al commissario nazionale Francesco Figliuolo sostenendo che la Asl di Teramo abbia comunicato ai medici di base che potevano somministrare solo le seconde dosi. Il referente Asl della campagna, Maurizio Brucchi, ha smentito: «È accaduto solo per alcuni giorni, quando abbiamo avuto problemi di approvvigionamento delle dosi. Ora è tornato tutto normale».(d.v.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: