pescara

E oggi uno sciopero blocca la raccolta rifiuti 

e-oggi-uno-sciopero-blocca-la-raccolta-rifiuti 

Stop al servizio porta a porta fino a mezzanotte. Il Comune: «I cittadini non lascino fuori i mastelli»

PESCARA. Oggi si ferma la raccolta dei rifiuti porta a porta per uno sciopero di 24 ore dei lavoratori della società Ambiente. Sciopero cominciato dalla mezzanotte di ieri fino alla stessa ora di oggi. I problemi maggiori si registreranno per la raccolta porta a porta, mentre gli altri servizi dovrebbero comunque essere in parte garantiti.

A farlo presente è stato ieri l’assessore all’ambiente Isabella Del Trecco. «Garantito il diritto all’astensione dal servizio degli operatori di Ambiente spa», ha detto l’assessore, «assicureremo comunque i servizi di emergenza tenendo conto delle priorità, come la tutela ambientale nelle aree in cui si svolgono mercati rionali all’aperto, della riviera e qualunque altra urgenza dovesse verificarsi nell’arco della giornata». «Ovviamente», ha aggiunto Del Trecco, «chiediamo la massima collaborazione della cittadinanza nel non lasciare mastelli all’esterno delle abitazioni e nel contenere quanto più possibile i conferimenti domestici per una sola giornata per permetterci di superare i disagi». L’appello tuttavia è arrivato in ritardo, perché per evitare i conferimenti con i mastelli i cittadini avrebbero dovuto essere avvertiti almeno 24 ore prima.

Anche il sindaco Carlo Masci, comunque, ha chiesto la collaborazione dei cittadini. «Non verrà effettuato il ritiro porta a porta del pattume», ha fatto presente, «per questo invitiamo i cittadini a non lasciare i mastelli fuori casa. Il servizio riprenderà regolarmente nella notte tra mercoledì (stanotte, ndr) e giovedì (domani)».

Si tratta di uno sciopero nazionale proclamato dai sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil contro l’applicazione dell’articolo 177 del Codice degli appalti che obbliga le aziende concessionarie dei servizi essenziali a cedere in appalto le loro attività di distribuzione fino a raggiungere l’80 per cento del valore della loro concessione. «Lo sciopero al quale hanno aderito anche gli operatori di Ambiente spa è di carattere nazionale», ha spiegato l’assessore, «purtroppo è prevedibile che nella giornata di domani (oggi) potranno verificarsi dei disservizi su tutte le operazioni svolte dalla società Ambiente». (a.ben.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: