attualità

Fondi per il porto Coletti: la città perde 19 milioni di euro

fondi-per-il-porto coletti:-la-citta-perde 19-milioni-di-euro

ORTONA. «Ad Ortona sarà restituita solo la metà dei finanziamenti revocati». Nel dibattito sul porto di Ortona dopo la visita del ministro Mara Carfagna, interviene il coordinatore del progetto…

ORTONA. «Ad Ortona sarà restituita solo la metà dei finanziamenti revocati». Nel dibattito sul porto di Ortona dopo la visita del ministro Mara Carfagna, interviene il coordinatore del progetto Ortona 2030, Gianluca Coletti. «Nel Masterplan approvato dalla passata giunta regionale guidata dall’ex presidente Luciano D’Alfonso», afferma, «al cui tavolo di lavoro ha partecipato Tommaso Coletti in qualità di consigliere provinciale di Chieti e di consigliere comunale di Ortona, per il porto erano stati stanziati 42,5 milioni di euro, di cui 40,5 milioni destinati al prolungamento del molo sud, al completamento del dragaggio e di alcune opere sulla banchina di riva, e 2 milioni per completare dei lavori per la realizzazione della bretella di collegamento uscita A14 – porto di Ortona, fermi ormai da quasi dieci anni».

Poi Coletti continua: «L’anno scorso, mentre gli enti destinatari dei finanziamenti del Masterplan, Arap e Provincia di Chieti, stavano avviando le procedure per la progettazione e l’appalto dei lavori, l’attuale giunta regionale guidata dal presidente Marco Marsilio, nel rimodulare gli interventi previsti proprio nel Masterplan, ha revocato circa 38 milioni di euro di finanziamenti per Ortona, impegnandosi a farli riassegnare con i fondi del Pnrr. In favore della città di Ortona», conclude Gianluca Coletti, «saranno invece restituiti solamente 19 dei 38 milioni di euro già stanziati per infrastrutture strategiche per il comprensorio e per la Regione Abruzzo, poi revocati dalla giunta regionale guidata dal presidente Marsilio, con un saldo negativo per la comunità ortonese di ben 19 milioni». (a.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: