attualità

Ora il centrodestra punta su Giangiacomo 

ora-il-centrodestra-punta-su-giangiacomo 

Vasto verso il voto. No della coalizione alla convergenza su Notaro, si riparte dal capogruppo di FI

di Anna Bontempo

VASTO. Di convergere su Alessandra Notaro dell’aggregazione civica La Buona Stagione non se ne parla proprio. Il centrodestra vuole un candidato di bandiera e sembra proprio averlo trovato se l’intesa faticosamente raggiunta nelle ultime ore non verrà rimessa in discussione. Salvo ripensamenti dovrebbe essere Guido Giangiacomo, capogruppo consiliare di Forza Italia (partito da cui è uscito nei giorni scorsi non senza lesinare critiche), a guidare la coalizione che ha iniziato a perdere pezzi dopo il patto politico-elettorale siglato da Alessandra Cappa, consigliera comunale della Lega, con Notaro. Dopo il gran rifiuto di Marco Di Michele Marisi, ex coordinatore cittadino di Fdi, che dopo aver tenuto tutti sulla corda per due giorni ha poi declinato l’invito dicendosi non disponibile a candidarsi, i vertici del centrodestra hanno cominciato a contattare diversi esponenti trovando sulla figura di Giangiacomo la quadra. Il consigliere, pur essendo uscito da FI dopo 25 anni di militanza attiva, resta sempre un esponente storico del centrodestra locale, che in passato ha ricoperto importanti incarichi amministrativi. Senza considerare che la sua candidatura potrebbe indurre ripensamenti in chi stava meditando di passare dall’altra parte della barricata. È il caso di Alessandro D’Elisa, indipendente, che durante l’ultimo consiglio comunale ha mantenuto un profilo molto basso, senza mai prendere la parola, fatta eccezione per le dichiarazioni di voto.

La soluzione Giangiacomo, potrebbe essere gradita anche ad Edmondo Laudazi, portabandiera della lista civica Il Nuovo Faro. «Ad oggi (ieri per chi legge, ndc), sono candidato sindaco delle mie liste, cioè Il Nuovo Faro e Rinascita Vastese», dice il consigliere, «potrei fare un passo indietro solo in presenza di determinate condizioni, cioè una coalizione. Solo in questo caso potrei decidere diversamente». Resta da vedere se sul nome di Giangiacomo – gradito ai vertici regionali di Fratelli d’Italia e della Lega – si riuscirà a ricompattare lo schieramento, frenando l’esodo verso la Notaro di Forza Italia e Udc. Che il coordinatore cittadino di Fi, Massimiliano Zocaro sia da sempre propenso a un’alleanza con l’ex giudice di pace è cosa nota. Si tratta di capire se con Giangiacomo candidato sindaco del centrodestra ci sarà un ripensamento della linea politica. In caso contrario Zocaro convergerà su Notaro, ma con una lista civica, non potendo avere il simbolo di Forza Italia.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: