cronaca

Calcio. A Teramo un mito ex biancorosso, Osvaldo Jaconi: “Il nostro calcio che non c’è più…”

calcio.-a-teramo-un-mito-ex-biancorosso,-osvaldo-jaconi:-“il-nostro-calcio-che-non-c’e-piu…”

TERAMO – Siamo dinanzi ad un “mostro sacro” del calcio teramano; lo è per noi meno giovani, che lo ammirammo nel primo dei tre “grandi Teramo di sempre” (gli altri sono stati di Romy Malavolta e di Luciano Campitelli – ndr), quello che, nel 1974-’75, da calciatore proveniente dal Lecco (dove aveva giocato 3 partite in A – ndr) avrebbe meritato la conquista della serie B.

Erano i tempi di De Berardinis, Chiodi, Diodati, Piccioni, Pulitelli e altri campioni del passato; da allenatore firmò, 24 anni or sono, la storica promozione in B del Castel di Sangro dei miracoli. Siamo dinanzi ad un uomo che, nel giorno del suo 49° anniversario di nozze, ha lasciato a casa la sua signora ed è corso a Teramo, che gli è rimasta “dentro” e della quale conserva ricordi che, forse, sono ancora più grandi dei nostri nei suoi riguardi. Oggi è un uomo che il calcio può raccontarlo come pochi, a 73 anni suonati e portati meravigliosamente.

ASCOLTA OSVALDO JACONI

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: