attualità

Forgione: basta liti, un piano unico per fermare le criticità

forgione:-basta-liti, un-piano-unico-per fermare-le-criticita

CHIETI. Lo scontro tra Asl e Comune per i centri vaccinali a Chieti arriva sul tavolo del prefetto Armando Forgione. La massima autorità di governo sul territorio ha inviato una lettera al sindaco…

CHIETI. Lo scontro tra Asl e Comune per i centri vaccinali a Chieti arriva sul tavolo del prefetto Armando Forgione. La massima autorità di governo sul territorio ha inviato una lettera al sindaco Diego Ferrara: «La responsabile Asl del punto vaccinale del PalaUda», si legge sul documento, «ha segnalato la mancanza di supporto da parte dell’amministrazione comunale nella gestione delle problematiche connesse all’accoglienza di circa 700 utenti al giorno, anche tenuto conto dell’attuale difficoltà della protezione civile regionale nel garantire la presenza continua di propri operatori, contestualmente impegnati in altre missioni istituzionali».

Il prefetto interviene dunque nel bel mezzo dello scontro istituzionale Comune-Asl, che ha avuto subito pesanti strascichi anche sugli organi di informazione, invitando il sindaco «a voler prendere contatti diretti con i competenti referenti territoriali dell’azienda sanitaria locale, al fine di individuare congiuntamente soluzioni adeguate alla risoluzione delle criticità». Forgione, nella lettera inviata per conoscenza anche al direttore generale della Asl Thomas Schael, chiede di essere informato in merito alle misure che saranno adottate.

Il palazzetto dello sport di via dei Vestini messo a disposizione dall’università è finito più volte al centro delle polemiche per i lunghi tempi d’attesa: gli utenti, esasperati per le code, hanno in più circostanze richiesto l’intervento di carabinieri e polizia. E proprio mercoledì scorso la Asl ha comunicato una serie di cambiamenti nell’organizzazione della campagna anti-Covid che riguardano proprio il PalaUda. L’occasione è stata sfruttata dai vertici della Asl anche per tornare ad attaccare il Comune che, secondo il direttore generale Schael, non avrebbe rispettato gli impegni presi per creare un nuovo centro vaccinale all’ex Foro boario.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: