attualità

L’Udc in campo con Giangiacomo Il Pd e 4 liste insieme per Menna 

l’udc-in-campo-con-giangiacomo il-pd-e-4-liste-insieme-per-menna 

Il candidato del centrodestra abbracciato da Lega, Iustitia Nova e una scuola di formazione politica Il centrosinistra lavora alla coalizione, giovedì arriva la vice presidente del Senato Rossomando

di Anna Bontempo

VASTO . Incassa il sostegno dell’Udc, del coordinamento della scuola di formazione politica Fo&Pa e del movimento Iustitia Nova. È con questo viatico che il candidato sindaco del centrodestra, Guido Giangiacomo, si accinge a presentare la sua candidatura domani, alle 10.30, alla presenza dei coordinatori regionali di Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Udc e Coraggio Italia. Nel frattempo il suo principale competitor, il sindaco uscente Francesco Menna (centrosinistra) schiera in campo un esponente nazionale del Pd, Anna Rossomando, vice presidente del Senato, che sarà a Vasto giovedì prossimo per parlare di ridisegno della geografia giudiziaria e di tribunali minori. La campagna elettorale entra nel vivo.

CENTRODESTRA La coalizione si presenta divisa all’appuntamento con le urne del 10 ottobre, ma il candidato sindaco “last minute” sta recuperando il terreno perso. Per quanto riguarda l’Udc «il tavolo regionale allargato ai rappresentanti territoriali ha deciso di restare nella coalizione e di appoggiare Giangiacomo», spiega Incoronata Ronzitti, coordinatore locale del partito, «in cambio chiediamo solo pari dignità con le altre forze politiche». Venerdì Giangiacomo ha incontrato, nella location del bosco di Don Venanzio a Pollutri, il coordinatore regionale della Lega, Luigi D’Eramo, l’assessore regionale Nicola Campitelli e la consigliera regionale Sabrina Bocchino. Non erano presenti il consigliere regionale Manuele Marcovecchio, che non ha ancora ufficializzato la sua posizione e l’avvocato Arnaldo Tascione, il cui figlio Francesco sarà con ogni probabilità candidato nella lista “Pro Vasto” di Alessandra Cappa (ex Lega). Giangiacomo porta a casa anche l’appoggio della scuola di formazione politica Fo&Pa e dell’associazione Iustitia Nova. «Sono convinto che sia la volta decisiva per cambiare definitivamente l’attuale amministrazione», dice il segretario provinciale Orlando Palmer, «sento quindi il dovere di appoggiare Giangiacomo per la sua coerenza, essendo per oltre vent’anni nel centrodestra e per la sua esperienza amministrativa. Faccio i miei complimenti a tutta la coalizione per aver saputo scegliere alla fine un candidato all’altezza di ricoprire questo ruolo».

CENTROSINISTRA Primi appuntamenti in agenda per il centrosinistra che punta alla riconferma del sindaco uscente Menna. Giovedì prossimo, nell’aula consiliare del Comune di Vasto, sarà presente la senatrice del Pd, Rossomando. Al centro della visita istituzionale della vice presidente del Senato il tema “Ridisegno della geografia giudiziaria e tribunali minori”. Per la parlamentare sarà l’occasione per parlare delle proposte in campo e raccogliere le istanze del territorio che chiede a gran voce la salvaguardia del tribunale di Vasto, considerato un presidio giudiziario fondamentale, di cui si vuole scongiurare la chiusura. Nel frattempo la coalizione lavora alla formazione delle liste. Ci saranno quelle del Pd, partito che alle elezioni amministrative del 2016 prese 3.658 voti, pari al 15,63%; Avanti Vasto, compagine civica di matrice socialista; Città Virtuosa ed altre liste espressione dei partiti della coalizione. Di sicuro le liste presenti in questa tornata elettorale saranno cinque, ma potrebbe esserci anche una sesta. Agli esponenti storici del centrosinistra potrebbero aggiungersi anche alcuni rappresentanti di altri schieramenti. È il caso di Andrea Bischia, già consigliere comunale di Progetto per Vasto (lista civica fondata da Massimo Desiati, candidato sindaco del centrodestra nel 2016), e di Lino Marino (Città Etica). Si parla con insistenza anche di Alessandro d’Elisa attuale consigliere comunale del gruppo misto, protagonista in questi anni di una dura opposizione insieme ai colleghi Vincenzo Suriani, Francesco Prospero, Edmondo Laudazi e lo stesso Giangiacomo. Difficile avere conferme: l’interessato è da settimane chiuso in uno stretto riserbo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: