pescara

L’Aterno-Manthoné premia i bravi 

l’aterno-manthone-premia-i-bravi 

la cerimonia di consegna degli attestati 

La preside ricorda Andrea Costantini, scomparso due settimane fa

PESCARA. Ventuno gli studenti dell’Istituto tecnico statale Aterno-Manthoné che si sono diplomati con il massimo dei voti. Di questi, sei hanno ottenuto anche la lode. Gli attestati sono stati consegnati la scorsa settimana, nell’aula magna della scuola, alla presenza della dirigente Michela Terrigni, del presidente della Provincia, Antonio Zaffiri, del sindaco Carlo Masci, del vicesindaco Gianni Santilli, e degli assessori comunali Luigi Albore Mascia e Alfredo Cremonese, di studenti, genitori e docenti. Particolare commozione ha suscitato il ricordo dello studente diplomato della 5^ A del serale Andrea Costantini, morto a 25 anni nell’incidente stradale del 4 luglio. «Andrea», ha detto la dirigente Terrigni, «ha avuto un percorso di vita particolarmente difficile ma era finalmente riuscito a ritrovare la serenità. Ci ha lasciato, però, un importante insegnamento: in qualunque momento di difficoltà, se ce la mettiamo tutta possiamo superare qualsiasi ostacolo e andare avanti».

Ecco tutti i diplomati con 100. Corso diurno: 5A Tecnico dello sport: Marzia Di Michele; 5B Tecnico dello sport: Matilde Patrizio, Gessica Rossi (con lode); 5C/5D Sistemi informativi aziendali/Costruzioni ambiente e territorio: Alessandro Ioannone, Aurora Mancini, Gianluca Mariotti (con lode), Alessandra Troiano; 5E Turismo: Martina Giovanna Longin, Umberto Monti-Condesnitt; 5F Amministrazione finanza e marketing: Vittoria Buccella, Nicola Ferrante (con lode), Agnesa Hoxhaj (con lode), Priscilla Iacovone (con lode), Raphael Turco (con lode); 5H Amministrazione finanza e marketing: Federico Bonetti . Corso serale: 5A Amministrazione finanza e marketing: Barbara Mammarella; 5B Sistemi informativi aziendali: Caterina Anello, Ilenia De Sipio, Angelica Marcantonio, Sara Marusco.

Sezione carceraria: 5C Sistemi informativi aziendali: Simone Santoleri. Quest’ultimo che per ovvi motivi non ha potuto partecipare alla cerimonia ha affisso, nei locali della scuola carceraria di San Donato, un breve messaggio dopo aver sostenuto l’esame di Stato: «Se solo si apprendesse l’importanza dell’istruzione (scuola-insegnamento-cultura) moltissimi di noi oggi non sarebbero qui e/o non vi rientrerebbero di nuovo. Spero che questo mio messaggio possa aiutare quanti più detenuti a iscriversi e a frequentare la scuola, affinché vi siano sempre meno persone che “dovranno leggere” questo mio messaggio in un istituto penitenziario».

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: