pescara

L’immunità tra un mese e due giorni 

l’immunita-tra-un-mese-e-due-giorni 

Le proiezioni premiano l’Abruzzo, ma è ancora senza vaccino il 36% della popolazione 

PESCARA . Un mese e due giorni. Tanto manca al raggiungimento dell’immunità di gregge in Abruzzo secondo le proiezioni fornite da Open Data e il Sole 24 Ore. In base a queste statistiche calcolate sulla scorta degli attuali ritmi di vaccinazione, la nostra regione sarebbe tra le prime in Italia a tagliare l’auspicato traguardo.

Solo la Lombardia, sempre secondo le previsioni aggiornate alla serata di ieri, raggiungerebbe prima l’obiettivo dell’80 per cento dei vaccinati (il 18 agosto). Subito dopo toccherebbe proprio all’Abruzzo, il 23 agosto. Questo dicono i dati, la speranza di tutti è che i numeri si traducano in realtà.

Tutto questo quando sono stati raggiunti dalle somministrazioni anti Covid 1.380.716 di abruzzesi. Rispetto a 1.452.893 delle dosi consegnate, le inoculazioni hanno toccato nella nostra regione quota 95 per cento rispetto alle disponibilità.

Una percentuale che è di un punto superiore alla media nazionale e comunque tra le più alte in Italia.

Solo Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia e Lazio fanno meglio – ma ad eccezione delle stesse Lombardia e Marche – gli altri hanno medie superiori alla nostra regione di appena qualche decimo. Sempre secondo i dati ufficiali forniti da OpenData e riportati dal Sole 24 Ore, in Abruzzo risulta completamente vaccinato il 46,4 per cento della popolazione, di cui l’1,8 con le fiale monodose. Tradotto in cifre, la nostra regione vede 599.692 immunizzati dal virus.

È in attesa della seconda dose, invece, il 17,5 per cento. Il 36 per cento, infine, non si è sottoposto nemmeno alla prima somministrazione. E proprio quest’ultimo numero è incoraggiante in rapporto alle altre regioni d’Italia.

Facendo un confronto, quello abruzzese è un dato tra i più bassi. Solo Lazio, Puglia e Lombardia hanno un numero inferiore di popolazione non vaccinata.

La regione si dimostra quindi efficiente anche per dosi ogni 100mila abitanti: 107.427,3. Anche in questo caso la media è superiore a quella nazionale e tra le migliori in Italia, preceduta da Lombardia, Lazio, Puglia e Molise.

E per quanto riguarda il dato giornaliero ieri sono state eseguite 12.307 somministrazioni.

Anche questi numeri confermano un ulteriore balzo in avanti nella campagna coordinata dal referente Maurizio Brucchi, considerato che è stato fatto meglio di lunedì, quando le dosi sono state 11.742. È stata soprattutto la Asl pescarese a migliorare sensibilmente il dato, passando dalle 2.762 somministrazioni dell’altro giorno alle 3.781 di ieri. (a.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: