attualità

Nuovo cimitero, ruspe al lavoro Tra 8 mesi pronto il primo lotto

nuovo-cimitero,-ruspe-al-lavoro tra-8-mesi-pronto-il-primo-lotto

tremila tombe a santa filomena 

CHIETI. Vanno avanti i lavori del nuovo cimitero a Santa Filomena e, tra 8 mesi, il primo lotto del Parco della Memoria dovrebbe essere pronto. È quanto emerge da un sopralluogo nel cantiere di via…

CHIETI. Vanno avanti i lavori del nuovo cimitero a Santa Filomena e, tra 8 mesi, il primo lotto del Parco della Memoria dovrebbe essere pronto. È quanto emerge da un sopralluogo nel cantiere di via Ombrosa eseguito ieri dall’assessore ai lavori pubblici Stefano Rispoli e dalla consigliera delegata Alberta Giannini. «Abbiamo voluto verificare l’andamento degli interventi e siamo molto soddisfatti che questa opera, bloccata da anni, proceda secondo il nostro cronoprogramma, condiviso sia con la ditta che con gli uffici», dicono Rispoli e Giannini, «secondo l’ultima riunione fatta con tutti i soggetti coinvolti nella programmazione degli interventi, entro aprile 2022 dovrebbe essere pronto il primo lotto del progetto». Ora sono in corso i primi sbancamenti affidati alla ditta Emoter Lavori di Chieti. Tra 8 mesi saranno pronti i primi 2.936 loculi, oltre a 576 cellette ossari, 224 cellette per urne cinerarie, 280 lotti per cappelle di varie tipologie e dimensioni. A questo si aggiunge la realizzazione della palazzina servizi, che accoglierà l’obitorio, la recinzione del parcheggio e il parcheggio stesso.

A realizzare i lavori – il direttore dei lavori è l’architetto Umberto Di Renzo – è un’associazione temporanea di imprese composta da Socomer Grandi Lavori, Electra Sannio, Edilizia Musicco, De Girolamo e dalla società cooperativa Mi.Ru. A capo della cordata l’imprenditore Gerardo Alfano.

«Reperiremo, poi, i fondi necessari anche per una rivisitazione del Piano Regolatore del cimitero vecchio», assicurano Rispoli e Giannini, «abbiamo chiesto di valutare tramite un computo metrico l’entità economica e la tipologia dei lavori necessari per il ripristino della sicurezza e del decoro del Sacrario Militare». Sempre per il cimitero di Sant’Anna ci sono lavori già appaltati per 75 mila euro per il potenziamento delle telecamere lungo tutto il perimetro, il ripristino del manto stradale in alcuni tratti, la copertura di 4 colombaie e altri interventi di manutenzione straordinaria. «Si tratta», concludono assessore e consigliera, «di piccoli passi, ma faremo il possibile per restituire un orizzonte anche a questi interventi, per dare risposte concrete per un servizio così essenziale e che è stato così a lungo atteso dalla città, in special modo dopo questo periodo così difficile per tutti».

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: