cronaca

Il rapper Clementino strappa applausi alla piazza di Celano 

il-rapper-clementino strappa-applausi alla-piazza-di-celano 

Il cantante si esibisce in rime sul castello, pensiero agli afgani In mattinata la messa celebrata dal vescovo Pietro Santoro

CELANO. Le rime improvvisate sul castello che domina la città hanno mandato in delirio i tantissimi fan venuti anche da fuori. Clementino ha “rappato” a Celano davanti a una piazza blindata, ma stracolma fino al consentito. L’idolo delle giovani generazioni si è esibito ieri, in piazza IV Novembre, per la serata clou dei festeggiamenti in onore del Santi Martiri. Non solo musica, il rapper ha parlato anche di felicità, donne e Afghanistan.

La platea di 600 posti, quelli permessi in piazza dal piano di sicurezza, era composta soprattutto da ragazzi e ragazze che hanno intonato, a suon di rap, i brani più famosi del cantante napoletano.

E tra una rima e un occhiolino al pubblico, a sorvegliare accessi e uscite della piazza ci hanno pensato gli steward per il controllo dei Green pass, il rispetto sull’uso della mascherina e delle altre disposizioni anti Covid compreso il divieto di introdurre bevande in contenitori di vetro per uso personale o con l’intento di distribuirle agli spettatori anche a titolo gratuito. Sempre per motivi di sicurezza, questa volta legati all’emergenza incendi, i tradizionali fuochi d’artificio post concerto sono stati “sparati” in via Pergoleto, di fronte al parcheggio della scuola Gabriele D’Annunzio. Il piano di emergenza ha previsto anche sanificazioni dei luoghi in cui si sono svolte le celebrazioni religiose e le altre manifestazioni. La serata di chiusura è prevista questa sera, alle 22.30, con il gruppo Opera seconda tribute band Pooh. Al termine è prevista l’estrazione dei biglietti vincenti della lotteria dei Santi Martiri.

Resterà in vigore fino a oggi l’ordinanza sindacale per il divieto di vendita e somministrare delle bevande in contenitori di vetro e lattine nel centro storico e in prossimità delle manifestazioni valida dalle 15 fino alla chiusura dei locali o al termine degli eventi in programma. I festeggiamenti che richiamano ogni anno anche celanesi emigrati all’estero sono entrati nel vivo via lunedì scorso con l’esposizione delle sacre urne dei tre protettori di Celano.

Ieri mattina grande partecipazione per la santa messa celebrata dietro castello e officiata dal vescovo Pietro Santoro. Accanto all’altare l’urna dei patroni di Celano. (f.d.m.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: