attualità

Tamburi e musiche medievali, apre la festa del Mastrogiurato

tamburi-e-musiche-medievali, apre-la-festa-del-mastrogiurato

LANCIANO . Cornamuse, tamburi e musiche medievali pronte a riecheggiare nel rione di Civitanova. È il gruppo abruzzese dei Rota Temporis ad aprire domani, alle 21.30 nel chiostro del parco delle arti…

LANCIANO . Cornamuse, tamburi e musiche medievali pronte a riecheggiare nel rione di Civitanova. È il gruppo abruzzese dei Rota Temporis ad aprire domani, alle 21.30 nel chiostro del parco delle arti musicali alle Torri Montanare, la settimana medievale che porterà domenica 5 settembre alla 39ª rievocazione storica dell’investitura del Mastrogiurato. A vestire i panni del medievale magistrato custode delle fiere di Lanciano è il pluridecorato colonnello Goffredo Mancinelli.

Una settimana dedicata alla memoria di Danilo Marfisi, compianto presidente dell’associazione che organizza la storica rievocazione e che per via delle limitazioni Covid quest’anno svolgerà l’intera manifestazione all’interno delle Torri Montanare dove si potrà entrare muniti di Green pass. Per quanto riguarda il concerto di domani e l’investitura di domenica 5 settembre l’ingresso è gratuito. Si paga 3 euro, invece, se ci si sposta all’interno della Rocca (che aprirà mercoledì 1° settembre), tra il mercato medievale allestito in Largo dell’appello, l’area dedicata al cibo e alle attività in piazza D’Armi e per assistere agli spettacoli nel chiostro.

Come spiegato dal presidente Mario La Farciola domani quindi non si partirà come da tradizione con la tenzone dei quartieri, annullata sempre per via del Covid-19, ma con il concerto dei Rota Temporis che in 14 anni di attività si sono esibiti anche all’estero, in Germania, Stati Uniti, Repubblica Ceca.

Il repertorio del gruppo spazia dalle melodie del periodo medievale ai brani tratti dalle raccolte rinascimentali e ballate di famose pipe band, con arrangiamenti personali. Attraverso il suono delle cornamuse e la possente base ritmica di davul, timpani, rullanti, i Rota Temporis accompagnano lo spettatore in un viaggio musicale incentrato sulla ricerca di emozioni e sensazioni di un tempo ormai perduto. Quel tempo antico in cui Lanciano era regina delle fiere che l’avevano resa famosa nel mondo allora conosciuto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: