attualità

Di Crescenzo e il dissesto di bilancio «Si dice il falso? L’ex giunta denunci»

di-crescenzo-e-il-dissesto-di-bilancio «si-dice-il-falso?-l’ex-giunta-denunci»

guardiagrele. scontro tra gruppi consiliari 

GUARDIAGRELE . Perché indebitare i cittadini da qui a 30 anni con il palazzetto dello sport? Perché affidare la gestione della pubblica illuminazione, senza averne prima la copertura finanziaria?…

di Giovanni Iannamico

GUARDIAGRELE . Perché indebitare i cittadini da qui a 30 anni con il palazzetto dello sport? Perché affidare la gestione della pubblica illuminazione, senza averne prima la copertura finanziaria? Perché non sono state pagate 1.400 fatture? Perché i fondi della spesa sociale sono stati usati per la spesa corrente? Sono queste alcune delle domande che la consigliera comunale di “Guardiagrele per tutti”, Gianna Di Crescenzo, rivolge agli ex amministratori comunali della lista di centrosinistra “Guardiagrele il bene in comune” dell’ex sindaco Simone Dal Pozzo, in riferimento alla dichiarazione di dissesto finanziario votata a maggioranza dal consiglio comunale. Secondo Di Crescenzo, il gruppo dell’ex primo cittadino continua a citare leggi che giustificano il proprio operato senza però specificare quali queste siano. «Inoltre», aggiunge Di Crescenzo, «da un lato accusano di incompetenza i dipendenti comunali (che sono poi gli stessi della loro passata amministrazione comunale), dall’altro esigono da questi relazioni a sostegno del dissesto. Se, come loro affermano, il dissesto è falso», osserva Di Crescenzo, «perché in aula, durante la votazione, si sono alzati abbandonando i lavori e non hanno invece partecipato al voto esprimendo il loro parere negativo? Se poi tutti, come loro sostengono, dicono il falso, perché non denunciare la giunta comunale, il revisore dei conti, la società Muse e, non da ultimo, il responsabile del settore finanziario? Dare poi alla sottoscritta della falsa e della incompetente», sottolinea Di Crescenzo, «significa mettere in dubbio e screditare tutte le persone succitate, inclusa la Corte dei Conti, alle cui osservazioni gli ex amministratori comunali non hanno mai risposto né dato seguito. Se sostengono questo, allora, denunciassero tutti».

La consigliera di “Guardiagrele per tutti”, evidenzia quindi che quelle espresse dagli ex amministratori comunali sono solo parole vuote, alternate addirittura a citazioni di santi, per giustificare un fallimento che è sotto gli occhi di tutti. «Dissesto o non dissesto», sottolinea Di Crescenzo, «noi già dalla campagna elettorale abbiamo rilevato e criticato sulla base di documenti esistenti, una gestione superficiale e non lungimirante delle risorse economiche comunali».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: