attualità

PalaUda, stop alle vaccinazioni: ora nel palazzetto torna lo sport 

palauda,-stop-alle-vaccinazioni: ora-nel-palazzetto-torna-lo-sport 

Oggi la riconsegna della struttura, fissate alcune date a settembre per effettuare le seconde dosi Resta aperto il Colle dell’Ara, ma il sindaco lancia l’allarme: «Bisogna aumentare gli immunizzati»

CHIETI . Stop alle vaccinazioni all’interno del PalaUda. Dopo l’apertura alle somministrazioni del palazzetto dello sport di Colle dell’Ara, l’impianto che per mesi è stato meta della popolazione chiamata a sottoporsi alla dose anti Covid, oggi viene riconsegnato formalmente per le normali attività. Ma nella struttura di via dei Vestini il capitolo vaccini non si chiuderà in maniera definitiva: infatti l’università ha già concesso la possibilità di effettuare all’interno dell’impianto sportivo, nel corso di alcuni giorni di settembre, i richiami alle prime dosi eseguite durante quest’ultimo mese. Oggi, comunque, il palazzetto viene riconsegnato, anche in previsione di un concorso che partirà domani. Nella struttura torneranno poi le attività sportive e le esercitazioni della facoltà di Scienze motorie dell’università d’Annunzio di Chieti. Continuano invece le vaccinazioni a Colle dell’Ara. Ieri sono state somministrate 290 dosi, per oggi sono 129 le prenotazioni tramite la piattaforma Poste, mentre per mercoledì e giovedì fino a ieri non risultavano adesioni. Il sindaco di Chieti Diego Ferrara rilancia l’appello: «Invito chi non lo avesse ancora fatto a sottoporsi alla vaccinazione». Il primo cittadino è preoccupato dell’aumento delle persone ancora titubanti verso la campagna di immunizzazione: «Bisogna essere fiduciosi, d’altronde i numeri dimostrano che gli ospedalizzati sono pazienti non vaccinati. Non possiamo permetterci di ripetere un altro autunno come quello passato, non sarebbe più accettabile».

Una stretta finale sull’intera provincia di Chieti potrebbe arrivare a settembre, anche grazie all’arrivo di un team mobile della Difesa, già operativo nei Comuni dove il tasso vaccinale non ha ancora raggiunto il 70%. Ieri è stata la volta di Orsogna, dove l’unità mobile dell’Esercito è rimasta per l’intera giornata. Nella sola mattinata di ieri erano stati eseguiti 50 vaccini. «Abbiamo anche ricevuto la visita del colonnello dei carabinieri Salvatore Falvo insieme al luogotenente della stazione di Orsogna Antonio Paolucci», ha commentato il sindaco Ernesto Salerni.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: