cronaca

Teramo, il concerto del “Fiammetta Ricci Trio” dedicato alle donne afghane senza voce e senza ascolto

teramo,-il-concerto-del-“fiammetta-ricci-trio”-dedicato-alle-donne-afghane-senza-voce-e-senza-ascolto

TERAMO – E’ dedicato alle donne afghane il concerto del Fiammetta Ricci TRIO, dal titolo “Il volo delle idee…”, che si terrà domani giovedì 2 settembre alle ore 21.30 in Piazza Sant’Anna a Teramo.

Fiammetta Ricci (voce), è un’artista poliedrica, in continua evoluzione musicale, sempre impegnata su temi sociali e sul potere della musica di abbattere barriere e pregiudizi, a cui ha dedicato negli ultimi anni concerti e spettacoli come “Io, Nina e le altre”, “I fiori della meraviglia” e “Black voices matter”. Autrice, compositrice e vocalist, con questo live propone un viaggio musicale che, in linea con il percorso artistico finora realizzato, vuole essere una narrazione e un tributo a tutte quelle voci femminili, della musica ma anche della poesia, che sono state e sono anche voci di denuncia, di riscatto sociale, di lotta non violenta contro la discriminazione, la segregazione razziale e l’emarginazione, dedicando specificamente questo concerto alle donne afghane, con una introduzione di Maria Franca D’Agostino, presidente del Cpo del Consiglio Regionale d’Abruzzo).

Il repertorio di questo live, dall’atmosfera di sobria intensità vocale e strumentale, è un viaggio tra orizzonti, visioni e sensibilità artistiche che dialogano in trio: si alternano brani originali scritti e composti da Fiammetta Ricci, tratti dai suoi lavori discografici Untold e controvento e AnimaCtonia, con gli arrangiamenti di Toni Fidanza, Fabrizio Mandolini e Mauro De Federicis, e l’anteprima di alcuni brani del nuovo album in lavorazione, tra cover di straordinarie voci nere del jazz americano e testi di poetesse e scrittrici come Alda Merini, Mariangela Gualtieri, Wislawa Szymborska e poetesse afghane come Meena Keshwar Kamal e Nadia Anjuman. Un sound in cui si intrecciano influenze jazz, venature blues e swing, con brani di struggente intensità vocale e interpretativa, incastonati in una trama di raffinati arrangiamenti e performance strumentali di Toni Fidanza al pianoforte e Fabrizio Mandolini al sax. Voci, parole, alchimie musicali, incontri nel tempo e oltre il tempo. Per e con le donne senza voce e senza ascolto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: