cronaca

Pantelleria, una tromba d’aria provoca due morti e nove feriti

pantelleria,-una-tromba-d’aria-provoca-due-morti-e-nove-feriti

Alle 19 si abbatte una tromba d’aria sulla zona nord di Pantelleria, in contrada Campobello, vicino a Cala Cinque denti. Dal mare, il vento travolge un dammuso. I tetti di alcune abitazioni saltano. Le prime fotografie che rimbalzano sui social mostrano auto ribaltate. Il bilancio è drammatico: due morti e nove feriti. «Quattro sono in gravi condizioni», dice il sindaco Vincenzo Campo. «Stiamo ancora valutando quello che è successo», dice il primo cittadino un’ora dopo la furia della tromba d’aria. Il sindaco è in prima linea a coordinare i soccorsi. «Stiamo ancora proseguendo le ricerche». Intanto, l’elicottero del 118 di stanza a Lampedusa è pronto a intervenire. Ma al momento le condizioni meteo sono proibitive, è impossibile decollare.

Le vittime sono due residenti: Giovanni Errera, 47 anni, vigile del fuoco, e Francesco Valenza, 86 anni, pensionato. Stavano in due auto, stavano percorrendo la strada che porta al lago di Venere. Sono rimasti intrappolati.


«Quello che si è presentata ai nostri occhi è stata una scena apocalittica», dice un soccorritore del 118, uno dei primi a intervenire. «Al momento sono due i morti accertati — dice — ma le ricerche proseguono, per verificare se ci sono dispersi. La tromba d’aria è arrivata dal mare — spiega — e in pochi secondi ha trascinato in un vortice case e auto che stavano percorrendo la strada perimetrale dell’isola».

Nel momento più drammatico per l’isola, è un tam tam sui social. Arrivano foto, ma soprattutto messaggi di residenti che confermano che stanno bene. Dalla parte opposta dell’isola, infatti, i residenti non hanno avvertito la tromba d’aria.


«La segnalazione arrivata al 118 era per un incidente stradale — racconta un altro soccorritore — appena siamo arrivati ci siamo accorti di quelle due auto ribaltate. Le vittime erano ancora con la cintura, in trappolate. Non c’è stato nulla da fare».

In ospedale, ci sono i feriti. Un medico era in auto con la moglie: racconta di aver perso il controllo della vettura. «All’improvviso siamo stati sbalzati sul bordo della strada, ma per fortuna la vettura non si è ribaltata. Siamo riusciti ad aprire gli sportelli e abbiamo cercato riparo».

Dice il presidente della Regione Nello Musumeci: «Sono vicino alle famiglie delle vittime. La tromba d’aria che è si abbattuta su Pantelleria ha purtroppo provocato due morti, diversi feriti e moltissimi danni. Prego Iddio che il bilancio non si aggravi e sono vicino alle famiglie così improvvisamente colpite negli affetti più cari». Si cerca fino a tarda sera, con la luce delle fotoelettriche: «Sono in costante contatto con il direttore della Protezione civile regionale, che si è già attivata». dice il presidente Musumeci.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: