pescara

A scuola in 202mila Oltre 33mila i no vax 

a-scuola-in-202mila oltre-33mila-i-no-vax 

Tutti i numeri di insegnanti, personale Ata e studenti che tornano in classe Ma tre su 20 non sono ancora immunizzati: rischiano multe e di ammalarsi

di Alfredo Sitti

La scuola riapre per oltre 202mila persone tra organico docente, non docente e studenti. Tuttavia al rientro in classe sono 33.171 i non vaccinati tra personale e giovani con età dai 12 ai 19 anni. Per rendere l’idea, in proporzione è come se in una classe di venti studenti, tre non fossero immunizzati.

Il nuovo anno didattico ricomincia con un importante numero di vaccinati, ma anche con una quota di persone che non si è ancora sottoposta alla dose anti Covid.

E il dato cresce sensibilmente se si aggiungono i circa 90mila under 12 che non sono vaccinabili. Così professori e personale Ata che si ostinano a non ricorrere alla somministrazione, per non rischiare provvedimenti dovranno sottoporsi a tampone a pagamento ogni 48 ore. Ma andiamo con ordine.

IL POPOLO DELLA SCUOLA. Sono 34.439 i lavoratori in ambito scolastico secondo i numeri forniti dalla Regione durante il tavolo per l’avvio dell’anno scolastico. Di questi 25mila sono docenti, oltre 9mila il personale Ata. Nle dettaglio: i posti comuni sono 15.881, altri 3.643 sono insegnanti di sostegno. La restante parte è inerente al personale docente con contratto a tempo determinato. Ma per quanto riguarda le nomine del personale docente tempo determinato, queste sono ancora in corso.

Ammontano a oltre 12 milioni le risorse a disposizione delle scuole per effettuare ulteriori nomine in relazione al personale docente e Ata a tempo determinato legati all’emergenza Covid; i docenti saranno impiegati per il recupero degli apprendimenti, mentre il personale Ata sarà destinato a fornire una risposta alle nuove esigenze legate alla pandemia.

Entro il 31 agosto, invece, si sono concluse le assunzioni del personale docente, educativo e Ata in Abruzzo, con 1.076 immissioni in ruolo di cui 819 docenti e 256 personale Ata. Sul fronte degli alunni sono 167.616 quelli delle scuole di ogni ordine e grado (organico di fatto al 25 agosto 2021) che oggi tornano. Si registra complessivamente una flessione di 1.809 alunni rispetto allo scorso anno scolastico.

Il totale degli studenti della provincia di Chieti è di 49.033 contro 49.992 dello scorso anno; 44.274 nella provincia di Pescara (44.557 lo scorso anno); nella provincia di Teramo 38.624 (39.076 l’anno scorso) 35.685 gli studenti della provincia dell’Aquila, contro i 35.870 del 2020. Ma a fronte della diminuzione del numero degli studenti non si è verificata alcuna contrazione del personale scolastico.

LE PRINCIPALI REGOLE. Il rientro in classe al 100 cento per cento in presenza comporta la necessità di rispettare specifiche regole che limitino il rischio di contagi.

Innanzitutto il Green pass, obbligatorio per chiunque accede alle strutture scolastiche, compresi i lavoratori esterni e i genitori. Necessario, quindi, sia il personale delle mense che per gli addetti alle ditte di pulizia. L’obbligo della certificazione verde, però, non riguarda gli studenti, che devono comunque indossare la mascherina e rispettare il distanziamento di almeno un metro. L’obbligo di Green pass vale non solo per il personale, ma anche per gli studenti degli Istituti tecnici superiori (Its), oltre che per gli studenti che frequentano università, conservatori e accademie.

Verranno elevate multe dai 400 ai 1.000 euro per chi, pur avendo l’obbligo, non ha il Green pass e per i dirigenti e i datori di lavoro ai quali sono demandati i controlli. Per i docenti è prevista la sanzione aggiuntiva, dopo cinque giorni, della sospensione dello stipendio. Con l’inizio delle lezioni, inoltre, i dirigenti scolastici o i loro delegati, avranno a disposizione una piattaforma on line per poter controllare, in tempo reale, ogni giorno, lo stato (attivo/non attivo) del Green pass dei dipendenti.

VACCINATI. Ma quali sono i dati relativi all’Abruzzo sulle vaccinazioni?Dei 33.171 non vaccinati, secondo i numeri aggiornati a ieri pomeriggio, 29.515 riguardano giovani tra 12 e 19 anni, altri 3.656 tra il personale scolastico. È come se un’intera città abruzzese di medie dimensioni fosse totalmente no vax. Ma a questi numeri vanno aggiunti i circa 90mila alunni con meno di 12 anni, che non possono essere immunizzati, e che fa impennare il dato dei non protetti dal Covid a 123.171.

Al contrario, sono invece 77.632 i vaccinati: 46.849 giovani tra 12 e 19 anni, altri 30.783 tra il personale scolastico. Soffermandoci proprio sui lavoratori nel mondo della scuola, in percentuale gli immunizzati rappresentano l’89 per cento di tutto il personale. Un dato che sale ulteriormente se si considerano anche quelli che hanno ricevuto la prima dose, ossia 33.131. Sono in attesa di sottoporsi al richiamo, pertanto, altri 1.308 dipendenti tra il personale scolastico e 16.204 giovani tra 12 e 19 anni. Con questi dati l’Abruzzo è tra i primi in Italia.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: