cronaca

“Ci hanno offerto di parlare con Eitan, ma se non ci dicono subito dov’è faremo intervenire la polizia”

“ci-hanno-offerto-di-parlare-con-eitan,-ma-se-non-ci-dicono-subito-dov’e-faremo-intervenire-la-polizia”

“Non sappiamo dove sia Eitan, ma la famiglia Peleg ha contattato Aya per farla parlare con il bambino”. A parlare è Shmuel Moran, l’avvocato che, per conto di Aya Biran, la zia paterna dalla quale Eitan è stato prelevato sabato, questa mattina ha intentato la causa per la restituzione del minore rapito ai sensi della Convenzione dell’Aia, presso il tribunale per le questioni familiari di Tel Aviv. 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: