pescara

Crisi idrica, aumentate le autobotti 

SAN GIOVANNI TEATINO. Per fronteggiare l’emergenza idrica, San Giovanni Teatino attiva il Coc (Centro operativo comunale). La decisione è stata presa dall’amministrazione domenica per il perdurare dei disagi in città e in vista della riapertura delle scuole.

La stessa amministrazione fa presente che si è stabilito con un’ordinanza sindacale di attivare il Centro operativo comunale «per garantire l’organizzazione di un servizio di emergenza per l’approvvigionamento idrico», dal momento che, nelle note dell’11 e 12 settembre, l’Aca ha ribadito che, alla base dei problemi che si stanno riscontrando, non vi è la normale crisi idrica, ma una «perdita occulta che ha causato il calo drastico di pressione da Dragonara alla zona aeroporto», senza fornire un tempo certo per il ripristino della situazione. I cittadini possono segnalare criticità allo 085/44446222. In orario di ufficio, è possibile chiamare anche i numeri 085/44446221-225-216.

Per quanto riguarda la scuola, pare che problemi al momento non ci siano. Nella giornata di ieri, era stato fra l’altro annunciato l’intervento di una squadra speciale di ricerca perdite di Padova per perlustrare con attrezzature specifiche tutta la rete interessata. Per tanti cittadini, un calvario che va avanti da giorni. E per questo saranno anche potenziate le autobotti. È già possibile fare rifornimento nel parcheggio scuola Dragonara, nel parcheggio Bocciodromo. Sono stati inoltre installati due serbatoi di acqua potabile in via Salara-incrocio via Trigno e in via Lago di Scanno. «Ricordiamo inoltre», sottolineano dal Comune, «che, per le abitazioni e i condomini provvisti di autoclave, l’Aca mette a disposizione il servizio di soccorso idrico con l’invio gratuito di un’autobotte per i rifornimenti. La richiesta può essere effettuata inviando il modulo allegato all’indirizzo protocollo@aca.pescara.it, oppure contattando il Coc». (a.d.f.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: