pescara

I balneatori: «Mai così tanti turisti come questa estate» 

i-balneatori:-«mai-cosi-tanti turisti-come-questa-estate» 

I gestori degli stabilimenti soddisfatti dei risultati raggiunti a luglio e agosto «Tutto esaurito sulle spiagge, speriamo lo stesso anche per l’anno prossimo»

di Antonella Luccitti

MONTESILVANO. Un’estate piena di sole e non soltanto dal punto di vista meteorologico. La stagione balneare che ormai volge al termine è stata promossa all’unanimità dai balneatori di Montesilvano che, stanchi ma soddisfatti, raccontano di tre mesi con ombrelloni pieni e tanti potenziali clienti che, addirittura, non è stato possibile accontentare. Un’estate da «tutto esaurito», insomma, che ha permesso agli operatori del settore balneare di rialzare la testa dopo un 2020 trascorso a basso regime. Tra ristoranti e bar sul mare che pian piano iniziano a chiudere i battenti lungo i 4,5 chilometri di litorale montesilvanese, e qualche bagnante irriducibile che ancora indossa costume e ciabatte, è ormai tempo di bilanci per i balneatori.

«È stata una stagione decisamente positiva», commenta Giuseppe Girone, titolare dello stabilimento La rosa dei venti. «Abbiamo avuto tantissimi turisti, italiani, ma anche diversi francesi e tedeschi. Quest’anno abbiamo scelto di ridurre gli ombrelloni stagionali per lasciare spazio ai villeggianti e ha funzionato». Complici del buon risultato anche le condizioni meteorologiche che hanno consentito ai balneatori di lavorare senza grandi interruzioni e ai bagnanti di poter godere anche di questa coda estiva. «Stiamo lavorando bene anche a settembre e, se il clima lo consentirà, andremo avanti fino alla fine del mese». Estate promossa a pieni voti anche da Leo Di Giovanni dello stabilimento La riviera. «Nonostante avessimo lasciato diversi ombrelloni da affittare giornalmente», rivela, «abbiamo avuto sempre il tutto esaurito. Io credo che se avessimo avuto a disposizione 100 ombrelloni giornalieri li avremmo affittati tutti, tutti i giorni. Purtroppo, sulla nostra concessione incide molto il problema dell’erosione che, negli ultimi anni, ci ha costretto a rinunciare a due file di ombrelloni».

A non riuscire a soddisfare la richiesta di ombrelloni e ad auspicare che partano presto gli interventi di rimodulazione delle scogliere anti-erosione anche lo storico balneatore di Gente di Mare di via Maremma, Nino Padovano, affiancato nella gestione da suo figlio Guglielmo. «Montesilvano è un’isola felice per le famiglie e sempre più turisti se ne stanno innamorando», commenta quest’ultimo. «Basti pensare che per la prima volta, già a partire dai primi giorni di giugno, avevamo la spiaggia piena e quotidianamente abbiamo dovuto mandar via le persone che ci chiedevano un ombrellone o anche informazioni su alloggi da affittare, perché anche gli hotel hanno registrato il sold out».

Ottimi riscontri anche nello stabilimento Sabbia d’oro di via Marinelli. «La stagione è andata molto bene, ma ce lo aspettavamo», commenta il titolare Elio Di Giuseppe. «Il nome di Montesilvano inizia a girare in Italia soprattutto grazie al lavoro fatto negli ultimi anni in termini di eventi, sportivi e non. E i riscontri si vedono. Iniziamo a ricevere tante chiamate dal Nord Italia che è una piazza che ci interessa molto». Seppure soddisfatta del bilancio dell’estate 2021, spera che nel 2022 il Covid possa essere un lontano ricordo Silvia Silvestri dello stabilimento La Saturnia di via Taro. «Dal punto di vista delle presenze, la stagione è andata molto bene e ad agosto abbiamo ricevuto tante richieste che non siamo riusciti a soddisfare. Ma avendo una clientela molto giovane ed essendo specializzati in feste e “assembramenti”, non vediamo l’ora che tutto torni alla normalità».

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: