Redazione

COVID, FIRMATO DPCM DIPENDENTI PUBBLICI IN PRESENZA DAL 15 OTTOBRE; IN ABRUZZO 54 CASI

covid,-firmato-dpcm-dipendenti-pubblici-in-presenza-dal-15-ottobre;-in-abruzzo-54-casi

L’AQUILA – In Italia cala l’incidenza dei casi Covid, così come l’indice di trasmissibilità Rt. E restano quattro le regioni a rischio moderato. Questi i punti salienti della bozza del monitoraggio dell’Iss all’esame della cabina di regia che verrà illustrato oggi (relativo al periodo 1-14 settembre): l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,82 (range 0,81 – 0,82), al di sotto della soglia epidemica ed in diminuzione rispetto alla settimana precedente quando era 0,85. L’incidenza per il periodo 17-23 settembre è scesa a 45 casi ogni 100 mila abitanti rispetto al 54 della scorsa settimana.

Scende anche il tasso di occupazione in terapia intensiva dei malati di Covid: ora è al 5,4 con una riduzione del numero di persone ricoverate da 554 (14/09/2021) a 516 (21/09/2021) rispetto al 6,1 della settimana passata. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale, secondo i dati al 21 settembre, diminuisce leggermente al 6,8% dal 7,2. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in lieve diminuzione da 4.165 (14/09/2021) a 3.937 (21/09/2021).

Sono 54 i nuovi casi di Coronavirus registrati in Abruzzo nelle ultime ore, di età compresa tra 1 e 75 anni, emersi dall’analisi di 2.811 tamponi molecolari e 3.719: il tasso di positvità è pari allo 0.81%. Il totale dei positivi dall’inizio dell’emergenza sale così a 80.917.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 1 nuovo caso e sale a 2.541: si tratta di un 83enne della provincia di Chieti. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 76.529 dimessi/guariti (+96 rispetto a ieri).

Gli attualmente positivi in Abruzzo, calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti, sono 1.847 (-43 rispetto a ieri). Nel totale sono ricompresi anche 407 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche.

64 pazienti (-2 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 4 (-1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 1779 (-40 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Del totale dei casi positivi, 20.533 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+29 rispetto a ieri), 20.620 in provincia di Chieti (+3), 19.583 in provincia di Pescara (+1), 19.394 in provincia di Teramo (+21), 667 fuori regione (-1) e 120 (+1) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Anche questa settimana sono 4 le regioni e le province autonome che risultano classificate a rischio moderato: Piemonte, provincia autonoma di Bolzano, provincia autonoma di Trento e Valle d’Aosta. Le restanti 17 regioni o province autonome risultano classificate a rischio basso. Tra queste l’Abruzzo, la scorsa settimana inserita tra le regioni a rischio moderato erano con Molise, provincia autonoma di Bolzano e provincia autonoma di Trento.

Lo evidenzia la bozza del monitoraggio settimanale sull’epidemia da Covid-19 all’esame della cabina di regia che verrà illustrato oggi.

Continuano intanto a scendere l’incidenza dei casi di Covid in Italia e l’indice di trasmissibilità Rt. Nel periodo 1 – 14 settembre 2021, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,82 (range 0,81 – 0,82), al di sotto della soglia epidemica ed in diminuzione rispetto alla settimana precedente quando era 0.85.

L’incidenza per il periodo 17-23 settembre e’ scesa a 45 casi ogni 100 mila abitanti rispetto al 54 della scorsa settimana.

Emerge dalla bozza del monitoraggio settimanale sull’epidemia da Covid-19 all’esame della cabina di regia che verra’ illustrato oggi.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva dei malati di Covid in Italia è in lieve diminuzione: al 5,4 con una riduzione del numero di persone ricoverate da 554 (14/09/2021) a 516 (21/09/2021) rispetto al 6,1 della settimana passata. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale, secondo i dati al 21 settembre, diminuisce leggermente al 6,8% dal 7,2. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in lieve diminuzione da 4.165 (14/09/2021) a 3.937 (21/09/2021). I dati sono contenuti nella scheda di accompagnamento del monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute ora all’esame della cabina di regia.

DA LUNEDÌ AL VIA IL MONITORAGGIO NELLE SCUOLE CON TEST SALIVARI MOLECOLARI

Partirà lunedì 27 settembre il monitoraggio della circolazione del virus Sars Cov2 su un campione di studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado in Abruzzo.

Lo comunica l’Assessorato alla Salute, dopo la condivisione del protocollo operativo (elaborato dal Dipartimento regionale Sanità, che coordina anche la raccolta ed elaborazione dei dati) che sarà ora recepito con specifica Ordinanza del Presidente della Regione.

L’iniziativa – coordinata dal Ministero e dall’Istituto Superiore di Sanità – coinvolgerà complessivamente 1142 studenti, di età compresa tra 6 e 14 anni, che ogni 15 giorni saranno sottoposti a test attraverso tampone salivare molecolare.

Le scuole “sentinella” individuate nell’ambito del piano nazionale, che comprende un campione di 55mila studenti in tutta Italia, sono: l’istituto comprensivo 3 di Chieti, l’istituto comprensivo Mazzini dell’Aquila, l’istituto comprensivo Collodi di Avezzano, l’istituto comprensivo 8 di Pescara e l’istituto comprensivo 2 di Teramo.

I campioni saranno analizzati dai laboratori degli ospedali di Pescara, L’Aquila, Avezzano, Teramo e dal Centro di Studi e Tecnologie Avanzate dell’Università di Chieti.

Nella fase preliminare del monitoraggio, della durata stimata di 2 mesi, i campioni saranno prelevati dal personale sanitario dei Siesp delle Asl che si recherà nei diversi plessi scolastici.

RIPRODUZIONE RISERVATA

    Articolo


    Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: