attualità

Maxi furto nel convento,  l’ira del sindaco contro i ladri

FOSSACESIA . «L’amministrazione comunale esprime solidarietà alla comunità dei padri passionisti di San Giovanni in Venere per il grave e inaccettabile atto subito nei giorni scorsi all’interno dell’a…

FOSSACESIA . «L’amministrazione comunale esprime solidarietà alla comunità dei padri passionisti di San Giovanni in Venere per il grave e inaccettabile atto subito nei giorni scorsi all’interno dell’abbazia». Così il sindaco Enrico Di Giuseppantonio si esprime dopo la notizia data dal Centro sul furto avvenuto mentre i frati erano a cena, che ha fruttato un bottino di circa 10mila euro. «Un gesto che offende tutta la nostra comunità e soprattutto i padri passionisti. È impensabile immaginare di poter entrare in una chiesa e portar via le offerte. È incomprensibile anche solo l’idea che ci siano persone che non nutrono alcun rispetto nei confronti di un luogo sacro. Sono fiducioso nel lavoro delle forze dell’ordine, che mi auguro quanto prima possano assicurare alla giustizia tali malfattori». I carabinieri della compagnia di Ortona continuano a indagare. Il primo passo dell’inchiesta è stato la denuncia presentata dai padri passionisti che gestiscono il complesso monastico: Nessun dubbio sul fatto che l’unico obiettivo della banda fosse quello di rubare il denaro. (a.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: