cronaca

Prima neve ai Prati, si lavora per riaprire la stazione sciistica

prima-neve-ai-prati,-si-lavora per-riaprire-la-stazione-sciistica

PIETRACAMELA. Risveglio in bianco ieri mattina a Prati di Tivo per l’arrivo della prima neve. Una spolverata di pochi centimetri a valle, copiosa a monte, che ha reso suggestivo il paesaggio e ha…

PIETRACAMELA. Risveglio in bianco ieri mattina a Prati di Tivo per l’arrivo della prima neve. Una spolverata di pochi centimetri a valle, copiosa a monte, che ha reso suggestivo il paesaggio e ha dato un assaggio di inverno. Una stagione fredda, che, però, potrebbe essere caratterizzata anche quest’anno, come quello passato, dalla mancata riapertura degli impianti, che andrebbe ad aggravare la crisi economica del comprensorio dopo un’estate sottotono per la chiusura della cabinovia.

Il nodo da sciogliere è la concessione dei terreni dove insistono le attrezzature: senza rinnovo da parte dell’Amministrazione separata dei beni di uso civico (Asbuc) di Pietracamela non si riparte. Ma non tutto sembra perduto. L’Asbuc si è resa disponibile a ridare la concessione. «Stiamo cercando una soluzione per far riaprire la stazione», ha detto il presidente Paride Tudisco, «come dice la legge gli unici soggetti che possono ricevere il rinnovo sono il proprietario degli impianti e il concessionario della cabinovia, di proprietà della Provincia».

Si muove anche il neoeletto sindaco di Pietracamela Antonio Villani, che stamattina incontrerà il presidente della Provincia e il sindaco di Fano Adriano. «Come Comune lavoriamo di concerto con Asbuc, Provincia, Gran Sasso Teramano e tutti i soggetti interessati e siamo aperti e disponibili a ogni incontro e chiarimento che possa portare a far riaprire gli impianti». (a.d.f.)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: