cronaca

Montorio, opposizione su “defenestrazione” Barnabei

montorio,-opposizione-su-“defenestrazione”-barnabei

MONTORIO AL VOMANO – “Il Sindaco Altitonante, a un anno dal suo insediamento, con l’ennesimo colpo di scena all’interno della sua compagine amministrativa, defenestra dalla giunta Raniero Barnabei, record-man eletto con oltre 630 voti e in un momento spogliato dell’incarico di vice sindaco e di tutte le deleghe di assessore.

Quali sono i motivi di questa “epurazione”? Chiediamo riprendendo le parole dell’ormai vicesindaco.

Come mai il Sindaco non ha più fiducia nell’uomo che lo ha portato al potere? È questa la domanda che tutta la comunità si sta ponendo e a cui purtroppo, da parte del sindaco, non è stata data alcuna risposta, se non l’annuncio chiaroveggente di un Barnabei investito di future grandi responsabilità: lo vedrà forse diventare ministro o forse presidente del consiglio o forse ancora il futuro sindaco della “Grande Montorio”?  Questo sembra dedursi dalle dichiarazioni rilasciate alla stampa.

Ma è doveroso da parte nostra interrogare direttamente il Sindaco, a cui abbiamo inviato la richiesta di convocazione di un consiglio comunale che permetta di fare chiarezza su alcune situazioni d’ombra che generano non poche perplessità sulla tenuta della maggioranza.

L’estromissione di Raniero Barnabei, infatti, sottraendo alla giunta un riferimento finora indiscusso, apre nella maggioranza crepe profonde che temiamo possano avere serie ripercussioni sulla vita amministrativa di un paese in piena fase di ricostruzione.

Nella nostra richiesta di convocazione del consiglio comunale invitiamo inoltre tutti i consiglieri a tornare responsabilmente sull’argomento della localizzazione del polo scolastico, ritenendo troppo frettoloso il modus operandi dell’amministrazione: la nostra mozione propone di incaricare le commissioni consiliari permanenti III e IV di studiare in modo approfondito la questione e coinvolgere maggiormente la cittadinanza su una scelta strategica per il futuro della comunità.

Il sindaco entro 20 giorni dovrà convocare il consiglio comunale, presumibilmente in presenza per far sì che anche la cittadinanza possa assistere, e avremo finalmente tutte le risposte alle nostre perplessità.”

I consiglieri comunali,

Alessandro Di Giambattista

Alessia Nori

Eleonora Magno

Andrea Guizzetti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: