Redazione

SPECULAZIONE COSTO LATTE E MATERIE PRIME: COLDIRETTI, “IN ARRIVO LO STOP IN CONSIGLIO MINISTRI

speculazione-costo-latte-e-materie-prime:-coldiretti,-“in-arrivo-lo-stop-in-consiglio-ministri

L’Aquila: Politica

L’AQUILA – “Arriva lo stop alle speculazioni sul cibo che sottopagano i produttori agricoli in un momento in cui sono costretti ad affrontare pesanti rincari dei costi di produzione dai carburanti ai fertilizzanti, dalle macchine agli imballaggi fino ai mangimi per alimentare il bestiame”.

E’ quanto afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel commentare l’annuncio del Ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli sull’approvazione definitiva nel prossimo consiglio dei Ministri della direttiva sulle pratiche commerciali sleali alla quale la Coldiretti ha dato massimo supporto. L’approvazione delle norme contro le pratiche sleali nel commercio alimentare – sottolinea la Coldiretti – rappresenta una svolta storica per garantire una più equa distribuzione del valore lungo la filiera dal campo alla tavola in una situazione in cui per ogni euro speso dai consumatori per l’acquisto di alimenti meno di 15 centesimi in Italia vanno a remunerare il prodotto agricolo.

Una situazione che in Abruzzo “pesa” su tutti i settori con particolare riferimento, in questo momento, al settore lattiero-caseario che sta pagando ancora la crisi collegata all’emergenza sanitaria con il conseguente aumento dei prezzi dei mangimi, dell’energia e del carburante a fronte di uno stallo della remunerazione del latte.

“Si pensi che in Abruzzo – ricorda Coldiretti Abruzzo – il prezzo dei mangimi e dei cereali destinati ad uso zootecnico è cresciuto nell’ultimo anno considerevolmente mentre sono rimasti stazionari i prezzi del latte bovino all’origine, che non superano i 37 centesimi al litro e avevano già avuto un crollo di 2 centesimi con l’inizio dell’emergenza sanitaria con forte penalizzazione degli allevatori per i costi più alti di gestione tra mangimi, energia e carburante a fronte di ricavi minori anche per il prodotto invenduto durante le prime fasi dell’emergenza”.

La direttiva sulle pratiche commerciali sleali, fortemente sollecitata da Coldiretti, è quindi un intervento normativo per rendere più equa la distribuzione del valore lungo la filiera ed evitare anche che il massiccio ricorso attuale alle offerte promozionali non venga scaricato sulle imprese agricole che in controtendenza all’andamento generale, sono le uniche ad avere avuto un calo del valore aggiunto nel terzo trimestre del 2021 per effetto del boom dei costi di produzione.

RIPRODUZIONE RISERVATA

    Articolo


    Ti potrebbe interessare:

    Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: