cronaca

Fratelli d’Italia: Provincia unita nelle battaglie per le aree interne 

fratelli-d’italia:-provincia-unita nelle-battaglie-per-le-aree-interne 

Vertice con Biondi, Quaglieri e Verrecchia: «Caruso completi il lavoro». Celano esclude manovre col Pd Giovagnorio (Tagliacozzo): «Mi candido, ho ricevuto tante sollecitazioni dai colleghi sindaci»

di Pietro Guida

AVEZZANO. La Marsica chiama, L’Aquila risponde. Per una sfida politica, quella per la Provincia, che si preannuncia all’ultimo voto. Le elezioni sono fissate per il 18 dicembre. Vincenzo Giovagnorio, sindaco di Tagliacozzo, sostenuto dall’alleanza Di Pangrazio-Pd rompe gli indugi e annuncia la propria disponibilità a candidarsi. Correrà contro Angelo Caruso, sindaco di Castel di Sangro e presidente della Provincia uscente. Il sindaco di Celano, nel frattempo, ribadisce l’amicizia al duo Di Pangrazio-Giovagnorio ma smentisce alleanze anti-Caruso.

PRIME CONFERME

Il sindaco di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio, ha dato ieri la propria disponibilità a candidarsi. «Con lo stesso spirito di servizio che mi ha spinto a lavorare con totale abnegazione nell’esclusivo interesse del mio territorio comunale», afferma Giovagnorio, che alle ultime Comunali non ha avuto sfidanti, «a seguito delle tante sollecitazioni ricevute dai colleghi sindaci, dagli amministratori e dalle parti politiche sono onorato di dare la mia disponibilità alla candidatura a presidente con l’intento di perseguire obiettivi di buon governo nell’intera Provincia secondo i principi di equità e onestà, in vista delle grandi sfide che attendono la Provincia e il Paese intero». Fa poi un appello a «unità, coesione e a un deciso cambio di rotta per il futuro» e si dice «pronto a unire le energie per condividere un progetto di crescita su scala provinciale».

NO AL VOTO DISGIUNTO

Santilli, sindaco di Celano, nel frattempo «smentisce categoricamente» di far parte di «manovre nella Marsica per scalzare il presidente Caruso». «L’amministrazione comunale», afferma Santilli, «non riconoscendosi politicamente nell’area di centrosinistra, non può sostenere una candidatura solo di tale espressione». Secondo il sindaco di Celano per «portare avanti il concetto di territorialità coinvolgendo anche la politica, dovrebbero entrare a far parte integrante delle discussioni e dei confronti tutti i partiti, da centrodestra a centrosinistra, a 5 Stelle e via discorrendo». Per tale motivo, Celano «non entrerà a far parte di un discorso che riguarda solo le scelte di una parte politica, ovvero del Pd». Per quanto riguarda le battaglie del territorio marsicano, invece, Santilli si dice «sempre al fianco dei colleghi sindaci Giovagnorio e Di Pangrazio per qualsiasi rivendicazione».

VERTICE DI FRATELLI D’ITALIA

Il richiamo all’unità, caro a Giovagnorio, arriva anche da Fratelli d’Italia, partito che ieri si è riunito all’Aquila: «Le sfide che ci attendono devono vedere il territorio unito e coeso, capace di dare voce alle diverse istanze delle aree interne». Presenti alla riunione il coordinatore regionale, Etelwardo Sigismondi, quello provinciale, Pierluigi Biondi, l’assessore regionale Guido Quintino Liris, il consigliere regionale Mario Quaglieri, il braccio destro di Marsilio in Regione, Massimo Verrecchia, il vicepresidente della Provincia, Vincenzo Calvisi, i sindaci, i vicesindaci e i consiglieri comunali. Tra i Comuni marsicani, erano presenti Scurcola, Magliano, Civitella Roveto, Pescina, Trasacco, Ovindoli e Gioia dei Marsi. «Non ci riguarda l’antistorica battaglia campanilista, che mai ha avuto senso e men che meno nell’attuale contesto, dove la provincia aquilana rappresenta un esempio di sistema funzionante e coeso, unito nelle battaglie per le aree interne, per il loro sviluppo concomitante, in cui nessuno deve essere lasciare indietro», dicono da Fratelli d’Italia, «la Provincia esprimerà forza, unità e autorevolezza con l’obiettivo di rivendicare istanze di rilievo che non possono essere colte spacchettando i territori. La Provincia, una, dialogante e solida, è il frutto di un percorso inclusivo e non divisivo. Solo così può essere portato a termine il lavoro già iniziato dal presidente Caruso che raggiunto obiettivi importanti in maniera equa e imparziale su tutto il territorio».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: