cronaca

Cento firme in meno di due giorni per far tornare la statua di Taccone 

cento-firme-in-meno-di-due-giorni per-far-tornare-la-statua-di-taccone 

L’opera è abbandonata da 7 anni in uno scantinato, si chiede la collocazione in piazza Cavour L’ideatore della petizione: «Sollecitazioni da varie zone della città, aumentiamo i punti di raccolta» 

di Eleonora Berardinetti

AVEZZANO. Oltre 100 persone sottoscrivono in meno di 48 ore la petizione per riparare la statua di Vito Taccone. In città arriveranno nuovi punti di raccolta firme. Con la mobilitazione si chiede al Comune di restaurare e collocare nello spartitraffico di piazza Cavour l’opera in bronzo dedicata al Camoscio d’Abruzzo, indimenticato campione del ciclismo. La statua fu realizzata nel 2012 dal maestro Bruno Morelli. Venne rubata sul valico del Monte Salviano e fu ritrovata pochi giorni dopo, seriamente danneggiata. Era il 2014.

LA PETIZIONE

L’opera, da 7 anni, è abbandonata in un polveroso scantinato del Comune. Negli anni sono state diverse le mobilitazioni per restituire l’opera alla città. Opera che vuole ricordare le gesta di Vito Taccone, personaggio vulcanico, che tanto lustro ha dato ad Avezzano. Buoni propositi a parte, finora nulla è stato fatto. Così, nei giorni scorsi, è ripartita la mobilitazione. Con la petizione da Casmirri vini, negozio di piazza Cavour. «Qui la gente viene appositamente per firmare e far tornare la statua di Taccone in città», ha raccontato Franco Casmirri, titolare dell’attività, «c’è un andirivieni di persone, non ce lo aspettavamo. Entrano e ci chiedono della petizione, in due giorni hanno firmato più di 100 persone».

NUOVE SOTTOSCRIZIONI

Un risultato che va oltre le aspettative e ha spinto Nazzareno Di Matteo, imprenditore sportivo e promotore dell’iniziativa, ad ampliare i numero dei punti dove poter firmare. «Mi chiamano in tanti, ogni giorno, e mi dicono che vogliono dare la loro adesione perché la statua di Taccone deve essere ristrutturata», ha chiarito Di Matteo, «per questo, oltre a piazza Cavour, daremo la possibilità di firmare in altri punti di Avezzano. Da domani (oggi per chi legge, ndc) i moduli saranno disponibili al Pinguino Village e nei prossimi giorni li porteremo anche in bar e attività della città che ne hanno fatto richiesta. Daremo a tutti la possibilità di firmare». Parallelamente alla petizione cartacea, sta andando avanti anche una raccolta di firme online sul sito Change.org, lanciata da Eleonora Morelli, figlia dell’artista Bruno.

IL PROGETTO

La statua voluta dall’amministrazione Floris venne posizionata sul Monte Salviano, il valico dove è nata la leggenda di Taccone. Un luogo simbolo per la città di Avezzano e per il Camoscio d’Abruzzo che, come ricordato dal figlio Cristiano, era un fenomeno sulle salite. Ma dopo il furto nel 2014, si è ipotizzata una collocazione differente per poter garantire una maggiore sicurezza. Però finora nulla è stato fatto. Con la petizione non solo viene ribadita la necessità di ristrutturare l’opera dedicata a Taccone, ma anche di spostarla nello spartitraffico di via Cavour, zona della città dove il ciclista ha sempre vissuto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: