pescara

Addio all’imprenditore Tortora anima della sinistra cittadina 

addio-all’imprenditore-tortora anima-della-sinistra-cittadina 

Noto per il suo impegno politico prima nel Pci e nei Ds e ora in Articolo 1, è morto in ospedale a 73 anni È stato anche presidente del Montesilvano Calcio. Tanti messaggi di cordoglio, stamane i funerali

MONTESILVANO. Imprenditore nel settore della logistica, appassionato di calcio ma soprattutto instancabile militante politico della sinistra. È questo il ritratto di Rocco Tortora, personaggio molto noto in città, che si è spento ieri all’età di 73 anni all’ospedale di Pescara dove era ricoverato. Proprio qualche giorno fa, sulla sua pagina Facebook, Tortora aveva scritto: «Care amiche/amici per motivi di salute per una ventina di giorni non posso rispondere ai vostri graditi messaggi». E invece il montesilvanese ha perso la sua battaglia lasciando la moglie Maria, i figli Marco, Luana e Katia e i nipoti Stephen, Samuel e Samira. La notizia della scomparsa di Tortora si è diffusa negli ambienti politici abruzzesi. Oltre ad essere ricordato per la sua attività di vendita e assistenza di carrelli elevatori, e aver ricoperto il ruolo di presidente del Montesilvano Calcio, Tortora era noto per il suo impegno politico che lo aveva visto militare prima nel Pci, poi nel Pds, a seguire nel Ds di cui era stato anche segretario cittadino, nel Pd e infine in Articolo1. E sempre a Montesilvano, nella storica sede di via Martiri d’Ungheria che arrivò anche a farsi intestare, pur di non perderla. E che nel 2017 rilanciò nuovamente, intitolandola a Berlinguer, alla presenza dell’attuale ministro Roberto Speranza. Sono tanti in queste ore a ricordare il suo impegno, a cominciare da Gianni Melilla: «Il compagno Rocco se ne è andato. Imprenditore e militante comunista. A Montesilvano era un punto di riferimento della Sinistra. Dal Pci ad Articolo1 ha coltivato sino alla fine la sua passione politica». Profonda commozione anche per l’ex parlamentare Pina Fasciani. «Una notizia triste. Compagno generoso, sempre attivo nella Sinistra. Fu il primo a contattarmi per fare il tesseramento ad Articolo 1, ad attivarsi con impegno nella sua Montesilvano». E ancora il coordinatore regionale Tommaso Di Febo: «Si è sempre speso per l’unità delle forze del centro-sinistra a tutti i livelli e in modo particolare nella sua Montesilvano, come pure per il pragmatismo e la concretezza dell’azione amministrativa. Con Rocco perdiamo un importante militante». Commosso anche il saluto del coordinatore provinciale Francesco D’Agresta: «Conoscere Rocco è stato uno dei regali più belli che questa esperienza in Articolo Uno abbia potuto darmi. In alcune fasi abbiamo vissuto un rapporto politico talmente intenso da farmi sentire a casa quando ero con lui in sezione. Sempre gentile, preparato e combattivo». Mentre l’ex vicesindaco Antonio Di Berardino evidenzia: «Rocco ha fatto tanti errori, un po’ come facciamo tutti. Ma non ha mai smarrito la traiettoria e le ragioni di fondo della Sinistra. E questo è meno comune». La camera ardente è stata allestita nella casa funeraria Mambella mentre il funerale sarà celebrato oggi alle 10 nella chiesa di Sant’Antonio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: