cronaca

Due giornate di eventi a Gioia su terremoti e prevenzione

il programma di venerdì e sabato 

GIOIA DEI MARSI. Ecco “Terre in movimento”, una due giorni dedicata al rischio sismico e alla gestione delle emergenze nel territorio regionale. L’iniziativa, promossa dal centro culturale Giuseppe…

GIOIA DEI MARSI. Ecco “Terre in movimento”, una due giorni dedicata al rischio sismico e alla gestione delle emergenze nel territorio regionale. L’iniziativa, promossa dal centro culturale Giuseppe Moretti, si svolgerà venerdì e sabato a Gioia dei Marsi. Umberto Di Salvatore, presidente dell’associazione Monte Serrone, Gianclemente Berardini, sindaco di Gioia dei Marsi, Nazzareno Mascitti della Fondazione Carispaq e, collegati in remoto, Enrico Miccadei e Tommaso Piacentini, del dipartimento di Geologia dell’Università D’Annunzio, ieri mattina hanno illustrato il programma. Il primo giorno è prevista un’escursione al geosito della faglia di Monte Serrone (quella che causò il catastrofico terremoto del 13 gennaio 1915). Nel pomeriggio, a partire dalle 15, un convegno al centro culturale Moretti di Gioia. Parallelamente, in piazza Savoia, ci sarà una lezione sul campo per i ragazzi delle scuole medie dell’istituto comprensivo di Gioia. A chiusura dei lavori della prima giornata è previsto l’intervento del vescovo dei Marsi, monsignor Giovanni Massaro, sul tema del riscatto delle aree interne. Sabato, invece, ci saranno un confronto al centro Moretti e, in diretta streaming, un evento nella sala consiliare del Comune alle 9.30, con la chiusura dei lavori affidata a Gianni Letta. La tavola rotonda pomeridiana, che inizierà alle 15, avrà come obiettivo quello di fare un punto dello stato della ricostruzione dopo i terremoti. Sono stati invitati a partecipare il presidente della Regione, Marco Marsilio, il commissario alla ricostruzione sisma 2016, Giovanni Legnini, Giustino Parruti, direttore del reparto di malattie infettive all’ospedale di Pescara, Mauro Casinghini, direttore dell’agenzia regionale di Protezione civile e i presidenti degli Ordini professionali. (e.b.)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: