attualità

Salgono i contagiati nelle scuole Ospedale, segnali di sofferenza 

salgono-i-contagiati-nelle-scuole ospedale,-segnali-di-sofferenza 

A San Salvo su 51 positivi, 24 hanno fino a 12 anni e 22 frequentano le scuole. A Vasto 13 casi in tre classi Tana (direzione del San Pio): numero di pazienti elevato. Menna: «Prenotazione vaccini ancora in tilt» 

VASTO. Il virus del Covid entra nelle scuole come in tutti gli ambienti e si diffonde fra i bambini. Nel Vastese il maggior numero di minori contagiati è a San Salvo. La cittadina resta anche il comune con la più bassa percentuale di vaccinazioni. Crescono anche le ospedalizzazioni e il San Pio comincia ad andare in sofferenza. Nel frattempo la piattaforma per prenotare i vaccini crea nuovi problemi ai vastesi: appello del sindaco di Vasto, Francesco Menna, al manager della Asl, Thomas Schael.

MINORI E SCUOLEIl virus si insinua fra i minori e pazienza se i bambini sono spesso asintomatici. Su di loro il Covid non infierisce ma diventano pericolosi vettori inconsapevoli del virus. A San Salvo su 51 positivi, 24 sono bambini fino a 12 anni. Solo due non frequentano asili o scuole. Ventidue bambini vanno a scuola. Due le classi coinvolte e il Comune è corso subito ai ripari. Resta il fatto che San Salvo è il comune con il minor numero di vaccinati. A Vasto al momento i bambini contagiati e che frequentano la scuola sono 13 distribuiti in tre classi. Segue Casalbordino con 8 bambini divisi in due classi. Tre i piccoli contagiati a Cupello e 2 le classi coinvolte. Un altro scolaro positivo è a Casalanguida.

OSPEDALE SAN PIOCresce il numero di positivi con polmoniti bilaterali. Il San Pio comincia ad andare in sofferenza. «Il numero di pazienti è abbastanza elevato», conferma la dottoressa Francesca Tana, responsabile della direzione del San Pio. «Al momento la situazione è ancora sotto controllo. L’appello alla vaccinazione anche dei reticenti viene mandato da tutto il personale sanitario che deve affrontare questa nuova emergenza. La terza dose risulta fondamentale per aumentare la percentuale di protezione dal virus. Chiedo a chi non è ancora vaccinato di superare le paure. Invito chi è vaccinato a fare la terza dose. Pensare di proteggersi con il tampone non è corretto. Il tampone», spiega la dirigente ospedaliera, «è come una fotografia istantanea dello stato di salute che potrebbe non rilevare la positività».

PRENOTAZIONI E PIATTAFORMAGli appelli a prenotarsi per il vaccino vengono però paradossalmente vanificati dal cattivo funzionamento della piattaforma. Da lunedì i cittadini che hanno tentato di prenotarsi sono stati invitati a riprovare il 10 dicembre. «Questa è un’assurdità oltre che un grosso danno per i vastesi», protesta il sindaco Francesco Menna, «invito il manager Asl a risolvere una volta per tutte il problema delle prenotazioni per i vastesi. È già la seconda volta che la piattaforma va in tilt in poche settimane. La gente si riversa al centro vaccinale dei Salesiani senza prenotazione creando disagi agli operatori».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: